Primi d'Italia

Sedici anni di reclusione per l’uomo che uccide Katia dell’Omarino

Da quanto ricostruito dall'accusa Polverini avrebbe ucciso la donna al termine di una lite per futili motivi

Processo Quarto Passo, Regione e Comune chiedono 6 milioni di risarcimento

Sedici anni di reclusione per l’uomo che uccide Katia dell’Omarino

AREZZO – Sedici anni di reclusione per Piter Polverini, il 25enne di San Giustino Umbro (Perugia) accusato dell”omicidio di Katia dell’Omarino, 40 anni, trovata priva di vita la mattina del 12 luglio 2016 a Sansepolcro (Arezzo). Questa la condanna inflitta dal gup di Arezzo Piergiorgio Ponticelli. L’uomo, processato con rito abbreviato, è stato ritenuto parzialmente incapace di intendere e di volere ma il gup ha riconosciuto l’aggravante della crudeltà.

Per il 25enne il pm Julia Maggiore, non ritenendo sussistente il vizio parziale di mente in base a una controperizia, aveva chiesto 15 anni di reclusione. Da quanto ricostruito dall’accusa Polverini avrebbe ucciso la donna al termine di una lite per futili motivi, dopo che i due si erano appartati lungo il torrente Afra.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*