Scassina distributore automatico, ma viene ripreso dalle telecamere [GUARDA VIDEO]

E’ stato arrestato dopo una breve fuga dalla Polizia di Stato il trentenne ternano che in pieno giorno ha scassinato un distributore automatico di bevande in centro, prima con grimaldelli e poi prendendolo a calci, sotto l’occhio elettronico delle telecamere del negozio.

Non contento del magro bottino – la cassa era stata svuotata poco prima – ha chiamato il gestore al numero di telefono indicato sulla macchina, dicendogli che un distributore (non quello che aveva appena scassinato), gli aveva preso 5 euro senza dargli la bevanda, né il resto.

Il gestore è subito arrivato per un controllo, e quando ha visto che non solo non c’era niente che non funzionasse, ma che non c’erano nemmeno i 5 euro, si è messo ad esaminare i filmati delle telecamere interne.

A quel punto, il ragazzo è scappato, ma è stato inseguito dal padre del gestore, che in sella alla sua bicicletta e in contatto telefonico con il 113 ha dato indicazioni utili per il suo arresto.

In poco tempo sono arrivate due pattuglie della Squadra Volante e il ragazzo è stato rintracciato e, nonostante una strenua resistenza, arrestato.

Tossicodipendente, pluripregiudicato, è stato giudicato ieri per direttissima e il dr. Massimo Zanetti del Tribunale di Terni, in considerazione della sua pericolosità sociale e dei gravi precedenti penali, ha disposto la misura cautelare in carcere in attesa del processo che si terrà a maggio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*