Scarcerazione Luigi Chiatti, deputato Gallinella: “Le Rems sono pronte?”

Il parlamentare umbro 5stelle presenta una interrogazione al ministro Lorenzin

Seicento euro al giorno per "mantenere" Luigi Chiatti in Sardegna
Luigi Chiatti

“Tra un mese, Luigi Chiatti uscirà dal carcere. Il responsabile della brutale uccisione di due bambini sarà condotto in una delle Residenze per l’esecuzione delle misure di sicurezza che hanno sostituito dal primo aprile scorso gli Ospedali psichiatrici giudiziari. Residenze che, le autorità competenti, a cominciare dal ministro della Salute, dovrebbero subito consultare per verificare e garantire condizioni di sicurezza adeguate ad operatori sanitari e comunità locali”.

Luigi Chiatti

Non nasconde la sua preoccupazione il deputato 5stelle Filippo Gallinella che ha appena presentato un’interrogazione a risposta scritta al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. “Le Rems – incalza il parlamentare umbro – sono strutture ricettive a carattere sanitario che devono però rispondere anche a criteri di custodia poiché accolgono pazienti con disturbo psichico, autori di reato, ritenuti non dimissibili dagli Opg. Stando alle segnalazioni che provengono dagli operatori delle Rems, le misure ad oggi adottate per la gestione dei pazienti psichiatrici considerati più pericolosi sono del tutto inappropriate”. Gli Ospedali psichiatrici giudiziari, ricorda l’onorevole penta stellato, ancora attivi in Italia sono 6 e detengono circa 700 pazienti.

“In base alla nuova normativa – osserva Gallinella – la custodia è passata dal Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria al Dipartimento di Salute Mentale, aprendo la discussione sulle misure di sicurezza a carico del personale sanitario con rischio di grave pregiudizio professionale. Il personale sanitario, infatti, ha un dovere di cura e non un obbligo di custodia nei confronti dei pazienti”. Il deputato 5stelle chiede dunque al Ministro della Salute di “chiarire al più presto e in maniera più stringente le modalità di trasferimento dei pazienti ritenuti non dimissibili e ancora detenuti negli Opg e di salvaguardare la professionalità del personale medico ed infermieristico per attuare con efficacia, secondo lo spirito originario della riforma Basaglia, il passaggio da Opg a Rems”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*