San Valentino, fedeli impediscono la traslazione

Alcuni Fedeli nella serata di oggi intorno alle ore 20 hanno spostato i banchi della basilica bloccando l’urna del Santo

San Valentino, fedeli impediscono la traslazione

San Valentino, fedeli impediscono la traslazione

Non vogliono che la reliquia di San Valentino venga trasferita dalla Basilica di San Valentino al Duomo di Terni. Così alcuni Fedeli nella serata di oggi intorno alle ore 20 hanno spostato i banchi della basilica bloccando l’urna del Santo.

Il vescovo Monsignor Giuseppe Piemontese avrebbe dovuto raggiungere la cattedrale in processione, ma i parrocchiani hanno iniziato ad accerchiarsi attorno alla reliquia. Il prelato ha cercato di calmare tutti, senza riuscirci.

Il vescovo ha provato a chiedere ai fedeli di uscire dalla Chiesa, per permettere alla reliquia di essere prelevata e portata in Duomo: niente da fare, non si sono spostati da lì. Monsignore, a questo punto, ha deciso di annullare la processione.

Fallito anche il secondo tentativo di mediazione da parte del vescovo. Dirigenti della Mobile sono sul posto, mentre l’assessore Tedeschi è in riunione con il vescovo per decidere il da farsi. In una situazione che sembra paradossale, intanto all’interno della basilica i fedeli presidiano con preghiere, rosari ad alta voce e anziani del posto seduti sui banchi che piangono a “difesa” del Santo. Fallito anche il terzo tentativo di mediazione da parte del vescovo. I fedeli rimangono tutt’intorno all’urna per bloccare il Santo.

Monsignor Piemontese è quindi sceso nella Cripta. Di sopra ha invece preso la parola padre Bose, parroco di San Valentino: “Allo stato attuale delle cose non si può organizzare la festa del Santo Patrono qui. Facciamo come da programma, facciamo uscire il Santo intanto, il prossimo anno la faremo qui”. Nuovamente secco no dei fedeli: “Non ce cascamo“, hanno urlato e hanno chiesto che parlasse il vescovo. Mons. Piemontese è dunque uscito sull’altare e ha detto che prenderà in considerazione le proposte venute alla luce durante questa lunga serata. I fedeli a questo punto lo hanno invitato ad abbandonare la basilica.

La situazione resta tesa e sospesa, con il vescovo che ha abbandonato la basilica tornando in cattedrale. Sono andati via anche i tecnici che avrebbero dovuti eseguire materialmente il trasferimento dell’urna. Restano solo i parrocchiani di San Valentino a presidiare la teca, con la promessa di un picchetto permanente ad impedire l’eventuale traslazione.

San Valentino

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*