Rubano su auto in sosta a Montecastrilli, carabinieri arrestano due ladri pugliesi

Ruba navigatore Tom Tom e Iphone minacciando con bottiglia proprietaria auto

Rubano su auto in sosta a Montecastrilli, carabinieri arrestano due ladri pugliesi

La scorsa notte i Carabinieri di Terni e Viterbo hanno tratto in arresto a S. Egidio di Montecastrilli (TR) per furto aggravato in concorso su autovettura 2 brindisini entrambi pregiudicati e residenti a Viterbo. Avevano deciso di agire in trasferta facendo un’incursione nella frazione S. Egidio di Montecastrilli per colpire le macchine in sosta delle tantissime persone ivi accorse da fuori per partecipare alla locale festività con relativa sagra ma questa volta gli è andata male.

Infatti la Centrale Operativa dell’Arma, avendo ricevuta la segnalazione di gente sospetta che si aggirava fra le macchine parcheggiate, faceva convergere sul posto tutti gli equipaggi più vicini sia di questa provincia che di quella limitrofa di Viterbo.

Il dispositivo così realizzato permetteva, con la cinturazione della zona ed il successivo passaggio al setaccio dell’area, di riuscire a cogliere la coppia con le mani nel sacco. I militari hanno infatti bloccato i due soggetti, un 37enne ed un 38enne entrambi residenti a Viterbo ma nativi di Brindisi, ai quali trovavano addosso la refurtiva asportata da 6 diverse auto in sosta che avevano già forzato e razziato.

I due sono risultati “vecchie conoscenze” sia dell’Arma ternana che dei colleghi di rinforzo laziali infatti entrambi sono stati già arrestati o denunciati per precedenti furti su auto in sosta, ma anche in abitazione, commessi sia nella provincia di provenienza che in questa. La coppia di pugliesi veniva tratta in arresto per concorso in furto aggravato su auto in sosta e tutta la refurtiva veniva restituita ai legittimi proprietari. Nella giornata odierna gli arrestati, dopo aver passato la notte nelle camere di sicurezza, verranno portati presso il Tribunale ternano per lo svolgimento del rito direttissimo.

Rubano su auto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*