Rubano bancomat da un’auto e fanno spese, denunciati due amerini

Rubano bancomat da un'auto e fanno spese, denunciati due amerini
Rubano bancomat da un'auto e fanno spese, denunciati due amerini

Rubano bancomat ad Amelia e fanno spese. La Stazione Carabinieri di Amelia (TR), al termine di specifiche indagini, ha identificato e denunciato in stato di libertà per furto aggravato su auto in sosta, ricettazione ed indebito utilizzo di carte di pagamento due giovani amerini. All’inizio di questa estate una coppia di Amelia (TR), recatasi in una locale struttura sanitaria per effettuare una visita di cortesia ad un parente malato, al ritorno nel primo pomeriggio presso la propria autovettura nel parcheggio adiacente alla struttura stessa, si accorgeva di aver subito il furto di una borsa che, anche se occultata, aveva lasciato all’interno del veicolo.

Poco dopo i coniugi trovavano, buttata nella vicina boscaglia, la borsa mancante ma, controllatone il contenuto, verificavano che la stessa era stata alleggerita del denaro contante e dei loro 2 bancomat.

La solerte denuncia del fatto all’Arma amerina permetteva agli inquirenti di accertare che gli ignoti ladri nella stessa giornata, nonostante l’immediato blocco delle due carte di pagamento asportate richiesto dai proprietari, erano comunque riusciti a spendere ben 1.500 €. Infatti, oltre ad effettuare presso 2 sportelli ATM cittadini 4 prelievi da 250 €, ne avevano “approfittato” per le proprie compere.

Nello specifico prima si erano recati a Terni in un negozio di calzature, dove avevano acquistato varie paia di scarpe, e poi, presso un distributore di Narni (TR), hanno fatto il pieno di carburante.

I Carabinieri, grazie ai certosini accertamenti svolti nei vari luoghi in cui i bancomat erano stato utilizzati, riuscivano ad identificare i due autori del furto in un 29enne ed un 34enne, entrambi di Amelia e gravati da precedenti di polizia, che venivano pertanto deferiti in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria per i reati sopra indicati.

Rubano bancomat

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*