Ruba cellulare a ragazza, lei lo insegue, lo affronta e lo fa arrestare

corpo senza vita

Nel pomeriggio del 9 settembre la Volante ha sottoposto a fermo per il reato di rapina impropria un italiano di 37 anni. Il soggetto, circa dieci giorni fa, aveva sottratto un telefono cellulare ad una ragazza perugina, sfilandoglielo dalla borsa mentre entrambi si trovavano nella zona del Pincetto.

La ragazza, però, si era accorta immediatamente dell’accaduto e pertanto si era rivolta a brutto muso all’uomo chiedendogli di restituire il telefono. Costui, invece, si era allontanato, sicché la derubata lo aveva inseguito e aveva cercato di strappargli il maltolto, ma il ladro l’aveva violentemente spintonata prima di fuggire definitivamente.

Ieri, però, la giovane, che si trovava in centro insieme ad alcune amiche, lo ha rivisto e ha subito chiamato il 113.
A questo punto, una Volante e un equipaggio della Polizia di quartiere si sono portati immediatamente nella zona segnalata e hanno circondato l’uomo, che quindi non ha avuto alcuna possibilità di scappare.

Costui, C.M., anno 1977, è stato condotto in Questura, dove gli uomini delle Volanti, terminati gli accertamenti di rito, hanno proceduto nei suoi confronti al fermo di p.g. per rapina impropria. Tale misura si è resa necessaria, in considerazione della chiara pericolosità del soggetto.

C.M., infatti, è sprovvisto di stabile dimora ed è gravato da numerosi precedenti di polizia per reati contro il patrimonio. In serata, l’uomo è stato associato al carcere di Capanne.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*