Ruba carte di credito a Perugia e fa acquisti, arrestato

Ruba carte di credito a Perugia e fa acquisti, arrestato

La squadra di polizia giudiziaria di questo compartimento, nella giornata di ieri ha concluso un’articolata attività di indagine che ha permesso di sottoporre al regime degli arresti domiciliari, in esecuzione di ordinanza applicativa di misura cautelare personale, un cittadino algerino nato nel 73, ritenuto responsabile, in concorso con altra persona, dei reati di furto aggravato e di indebito utilizzo di carte di credito, commessi a Perugia e Corciano a luglio scorso.

L’indagine, iniziata nel luglio 2015, ha preso spunto dal rinvenimento, ad opera di personale dipendente, di un portafogli contenente documenti e carte di credito, di proprietà di una cittadina spagnola, residente a Perugia, che convocata per la restituzione degli stessi, denunciava di essere stata borseggiata, in un supermercato del capoluogo perugino, mentre si apprestava a fare la spesa; la stessa riferiva altresì di essere stata avvisata, poco dopo il furto e tramite alert telefonici, circa l’indebito utilizzo delle carte di credito sottratte per acquisti di merce, presso un centro commerciale di Corciano, per un valore pari a circa 2.500 euro.

L’attività investigativa intrapresa, consistita in primis nel visionare i video ripresi dalle telecamere di sorveglianza degli esercizi commerciali interessati dagli indebiti acquisti, poi nell’esaminare tabulati telefonici, nonché eseguire perquisizioni domiciliari a carico delle persone individuate, ha permesso, oltre di recuperare la merce illecitamente acquistata, anche di acquisire numerosi ed inconfutabili elementi probatori a carico del cittadino algerino, ritenuto responsabile, in concorso con la cittadina marocchina a. R. Di anni 43 (non destinataria di alcun provvedimento restrittivo), sia del reato di furto aggravato che del conseguente indebito utilizzo delle carte di credito rubate.

Durante l’attività investigativa sono stati altresì accertati altri analoghi episodi delittuosi perpetrati presso supermercati, della provincia che in quelle di Pesaro e di Arezzo, dal citato cittadino algerino con il medesimo modus operandi, consistente nel borseggiare clienti degli esercizi commerciali (preferibilmente donne), intenti ad effettuare acquisti, approfittando di movimentate distrazioni durante le quali venivano lasciati incostuditi, sui carrelli della spesa, i propri effetti personali.

Le indagini sono state coordinate dal sostituto procuratore della Repubblica presso il tribunale di Perugia Formisano ed il provvedimento restrittivo è stato emesso dal gip Brutti.

Ruba carte di credito

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*