Ruba borsa da un’auto, polizia ammanetta 34enne marocchino

Arrestato durante Notte Bianca a Terni, rientra in Italia con nome falso
Arrestato durante Notte Bianca a Terni, rientra in Italia con nome falso

Nel pomeriggio del 21 aprile un blitz delle Volanti, coordinate dal Commissario Capo Adriano Felici, ha portato ad assicurare alla giustizia un 34enne marocchino che aveva poco prima, con un complice, aggredito brutalmente per strada una passante per derubarla.

I fatti: sono le 16 quando una signora parcheggia la propria auto in Via Birago.
Neanche il tempo di scendere dall’auto che un maghrebino apre lo sportello del lato del passeggero e cerca di impossessarsi della sua borsa.

La donna, però, reagisce con tempismo e determinazione, avventandosi sulla borsa, al cui interno vi sono 300 euro, per impedirne la sottrazione.
Ne scaturisce una breve colluttazione, dalla quale esce vincitore il nordafricano che, dopo aver praticato una torsione dell’avambraccio della malcapitata, se ne va col bottino.
Lei, però, ha fissato nella propria mente il volto e l’abbigliamento del ladro.

Inoltre ha notato che, a pochissimi passi dalla sua auto, c’era un secondo maghrebino, che ha fatto da palo, pronto ad intervenire in caso di necessità, e che è poi fuggito assieme al suo complice.
Per questo, la donna fornisce alle Volanti l’identikit di entrambi i nordafricani e gli agenti iniziano subito una doppia caccia all’uomo.
Il loro impegno produrrà i frutti sperati.

Infatti, in un parco non distante dal teatro della rapina, i poliziotti individuano uno straniero che sembra nascondersi tra la vegetazione.
Si accorgono che il suo abbigliamento corrisponde a quello di uno dei rapinatori, capiscono di essere sulla buona strada e lo bloccano.
Peraltro il soggetto, appena vede degli agenti, cerca di disfarsi di un telefono cellulare, che però viene prontamente recuperato dalla Polizia.

Non è della donna rapinata, ma di una ragazzina derubata in un’altra occasione.
A questo punto, le Volanti tornano in Questura col fermato per procedere nei suoi confronti.
In sede di riconoscimento, la signora derubata non ha alcun dubbio: R.A., queste le sue iniziali, è l’uomo che aveva fatto da palo.
Pertanto, d’intesa col Pubblico Ministero Manuela Comodi, il marocchino – pluripregiudicato per reati contro il patrimonio e in materia di droga – viene sottoposto dalla Polizia a fermo di p.g. per i reati di rapina e di ricettazione.

Emerge, inoltre, che il soggetto non ha eseguito un recente ordine di allontanamento dal territorio nazionale, sicché egli viene anche denunciato per tale inottemperanza.
In tarda serata, per R.A. si spalancano le porte del carcere di Capanne.
Infine, in queste ore la Polizia è al lavoro per attribuire un volto e un nome all’altro rapinatore.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*