Rissa tra Imam di Umbertide e marocchino, entrambi finiscono in ospedale [VIDEO]

Sul posto sono subito intervenute le forze dell’ordine insieme a diversi equipaggi del 118

Rissa tra Imam di Umbertide e marocchino, entrambi finiscono in ospedale

Rissa tra Imam di Umbertide e marocchino, entrambi finiscono in ospedale

UMBERTIDE – Un cittadino marocchino avrebbe tentato di investire l’imam di Umbertide Chafiq El Oqayly che era in bicicletta. La notizia sarebbe comparsa nel profilo Facebook dello stesso Imam con un post prima pubblicato e poi cancellato. Questo sarebbe accaduto nella serata di ieri sera. Ma il fatto non è finito con il tentato investimento. Poco dopo sarebbe avvenuto un regolamento di conti davanti alla moschea dove attualmente si riuniscono a pregare. Da una prima e parziale ricostruzione degli inquirenti pare che, alla base della discussione poi trasformatasi in aggressione, ci siano dei commenti sui social network.

Una vera e propria rissa che avrebbe causato il ferimento dell’imam e dell’aggressore, entrambi portati all’ospedale di Città di Castello. La rissa da quanto appreso avrebbe coinvolto una quindicina di persone. Testimoni avrebbero dichiarato di aver visto una persona a terra. Sul posto sono subito intervenute le forze dell’ordine insieme a diversi equipaggi del 118.

Numerose le testimonianze sui social network. Anche il consigliere comunale Luigino Orazi di “Umbertide Cambia” ha scritto un post: “Ieri sera passeggiando per umbertide per andare a vedere la manifestazione sportiva presso la ex fattoria tabacchi sono dovuto tornare indietro perché mi sono trovato davanti a una animata discussione tra extracomunitari con rissa incorporata.A terra Ho intravisto anche l’Iman sicuramente il dibattito sarà stato sulla moschea si o moschea no. Cari Umbertidesi non è successo niente basta abituarsi e adattarsi a tutto buona giornata a tutti…”

Rissa a Umbertide tra Imam e marocchino, finiscono in ospedale

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*