Primi d'Italia

Rintracciato autore furto ciclomotore, è un tunisino

I poliziotti di quartiere erano sulle sue tracce da un paio di giorni. Da quando O.K., tunisino del 1992, si era reso protagonista del furto di un ciclomotore nella zona di Fontivegge.

In quell’occasione, il maghrebino aveva tentato la fuga, ma, vistosi braccato dagli agenti, a un certo momento aveva abbandonato il veicolo per fuggire a piedi.
I poliziotti, però, lo avevano visto bene in volto, memorizzando il suo abbigliamento.

E ieri pomeriggio, mentre pattugliavano il medesimo quartiere, lo hanno incontrato di nuovo.
Non hanno avuto il minimo dubbio sul fatto che fosse proprio il ladro di due giorni prima, visto che il nordafricano indossava gli stessi vestiti.

O.K. ha naturalmente cercato di fuggire, ma i tenaci poliziotti di quartiere, dopo un lungo e faticoso inseguimento, hanno avuto la meglio, bloccandolo nei pressi di una nota palestra della zona.
Infine, dopo una breve colluttazione, lo hanno immobilizzato e condotto in Questura.

Qui, oltre a formalizzare la denuncia per il furto del ciclomotore, sono emersi ulteriori elementi rilevanti.

Il tunisino, infatti, è stato trovato in possesso sia di un involucro in cellophane contenente poco meno di un grammo di eroina che di una tessera sanitaria e di una carta socio per effettuare acquisti in un centro commerciale intestate ad un eugubino.

Così, visto che il 23enne non è stato in grado di giustificare il possesso di tali documenti, la Polizia ha proceduto a denunciarlo non soltanto per furto aggravato, ma anche per i reati di ricettazione, detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio e resistenza a pubblico ufficiale.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*