Rientra a casa ubriaco e aggredisce la madre, arrestato a Perugia

La polizia arresta 30enne ucraino per maltrattamenti in famiglia

Rientra a casa ubriaco e aggredisce la madre, arrestato a Perugia

Rientra a casa ubriaco e aggredisce la madre, arrestato a Perugia

PERUGIA – A dare l’allarme è stata la stessa vittima, una donna ucraina del ’67, che con le sue grida di aiuto è riuscita ad attirare l’attenzione di alcuni passanti che hanno chiamato il 113. Seguendo le stesse grida, una volta giunta sul posto la Volante, i poliziotti sono riusciti a rintracciare l’abitazione dalla quale provenivano le richieste di aiuto.

All’arrivo nell’appartamento in zona Fontivegge, gli agenti trovavano la donna barricata nella camera da letto visibilmente terrorizzata, con una ferita ad un labbro e con segni di percosse al volto.

La donna riferiva di essere stata aggredita dal figlio rientrato a casa ubriaco. Secondo il racconto della vittima l’uomo, un ucraino dell’87 con pregiudizi, è solito abusare di sostanze alcooliche che lo portano ad eccessi d’ira scatenati per futili motivi che si concretizzano in aggressioni sia verbali che fisiche nei suoi confronti.

Più volte minacciata di morte e picchiata, la donna riferiva che tali abusi si protraevano ormai da un decennio ma confermava di non aver mai voluto denunciare il figlio, e di non volerlo fare neppure in quella circostanza, nonostante avesse spesso riportato lesioni e fosse stata costretta a rifugiarsi a casa di amici temendo per la propria incolumità.

Nella serata di ieri, l’ennesimo litigio per motivi di poco rilievo aveva scatenato l’aggressività dell’uomo, amplificata dal suo stato di ubriachezza: dopo averla afferrata e strattonata, l’aveva presa per i capelli e trascinata a terra continuando a picchiarla con calci e pugni. Suppellettili a terra e ciocche di capelli sul pavimento confermavano il racconto della donna. A fatica la vittima era riuscita a raggiungere la propria camera e barricarsi all’interno.

Passato il culmine dell’eccesso d’ira, il 37enne era andato nella propria stanza e si era messo al computer ove lo avevano trovato poco dopo i poliziotti, ancora intento ad inveire contro la donna.

Dopo averlo perquisito, gli agenti lo hanno condotto in Questura. Compiutamente identificato, è stato tratto in arresto per maltrattamenti in famiglia e trattenuto nelle camere di sicurezza della Questura in attesa del rito direttissimo.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*