Ridurre zona rossa a Norcia Vigili del fuoco al lavoro

Per un totale di tutte le zone colpite dal sisma che si posiziona oltre i 123.000 interventi

Terremoto, oltre 2700 gli interventi dei vigili del fuoco presenti in Valnerina

Ridurre zona rossa a Norcia Vigili del fuoco al lavoro  da Maurizio Fattorini – Funzionario Vigili del fuoco NORCIA – Prosegue l’attività dei vigili del fuoco anche nelle zone umbre colpite dai recenti eventi sismici con il recupero delle opere nei vari Comuni della Valnerina, unitamente alle attività di assistenza alla popolazione per il recupero dei beni di prima necessità dalle proprie abitazioni alla rimozione di alcune parti pericolanti che impediscono l’uso di spazi sottostanti, alle prime verifiche di stabilità per definire se l’immobile è ancora utilizzabile oppure deve essere lasciato libero.

Congiuntamente ai tecnici della Regione Umbria a Norcia è stata avviata una più puntuale verifica degli immobili del centro storico per cercare di ridurre l’entità della cosiddetta zona rossa. Sono queste le principali attività che in questi giorni vedono in campo i vigili del fuoco presenti in Valnerina, oltre 200 unità di cui una buona parte proviene da altri Comandi coordinati dall’ing. Raffaele Ruggiero quale “comandante di cratere”.

Nei giorni scorsi, i Vigili del fuoco, hanno recuperato diverse opere d’arte sacra dall’interno della chiesa della Madonna di Costantinopoli nel territorio del comune di Cerreto di Spoleto che è stata seriamente danneggiata dal terremoto riportando lesioni infrastrutturali di notevole importanza. A Norcia si sta provvedendo alla messa in sicurezza della torre civica annessa al municipio per consentire quindi di poter operare anche sulla facciata della Basilica di San Benedetto. In questo caso i VVF posizionano opere di cerchiaggio e tirantatura per tenere insieme la parti sconnesse dell’imponente struttura.

Queste attività vengono svolte in tutti i comuni del comprensorio e per ottimizzare le risorse i vigili del fuoco oltre al campo base di Norcia hanno attivato altri presidi a Preci ed a Cascia.

In altre Chiese e in edifici di interesse, per attenuare i danni del maltempo i vigili del fuoco hanno applicato alle pareti superstiti dei teli che dovranno proteggere le opere d’arte.
Con gli UCL (unità comando locale) in queste realtà vengono raccolte e gestite le richieste dei cittadini provvedendo all’invio delle squadre operative. A Norcia per facilitare le operazioni di accesso alla zona rossa per il recupero dei beni di prima necessità sono state attivate due postazioni con UCL uno a Porta Romana e l’altro nella zona contrapposta di Porta Ascolana.

Sono oltre 2.700 gli interventi effettuati da vigili del fuoco presenti in Valnerina su un totale di tutte le zone colpite dal sisma che si posiziona oltre i 123.000 interventi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*