OMICIDIO, FIGLIO MANDANTE PADRE ESECUTORE

alessandro_julia_valerio2(UJ.com3.0) PERUGIA –  Svolta nel “giallo” dell’omicidio di Alessandro Polizzi e del ferimento della fidanzata, Julia Tosti. Valerio Menenti, l’ex della ragazza, e il padre Riccardo sono stati arrestati dalla squadra mobile della polizia in esecuzione di due ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal gip presso il Tribunale di Perugia.

La nota della Procura: La novita’, in larga parte attesa, e’ stata confermata da una nota firmata dal procuratore della Repubblica, Giacomo Fumu, secondo cui i due – rinchiusi nel carcere cittadino di Capanne – sono “gravemente indiziati” del delitto avvenuto la notte tra il 25 e il 26 marzo in un appartamento di via Ricci, nella prima periferia del capoluogo umbro.

I Menenti di dichiarano innocenti: Padre e figlio, che sin qui hanno negato qualsiasi responsabilita’ nella vicenda, erano stati iscritti nel registro degli indagati gia’ nei primi giorni dell’indagine: secondo gli inquirenti, Valerio, 25 anni, sarebbe il mandante (la notte del delitto si trovava in ospedale), il padre Riccardo, 54 anni, l’esecutore materiale dell’omicidio di Alessandro e del ferimento di Julia. Quanto al movente, nella ricostruzione del gip emergerebbe la tesi della ritorsione dopo che Polizzi aveva piu’ volte picchiato Valerio Menenti, che a sua volta aveva picchiato Julia. Ai due indagati vengono contestate la “premeditazione” e la “crudelta’”.

Venerdì accertamenti irripetibili: “Non siamo a conoscenza di sviluppi particolari delle indagini e non abbiamo nulla da dire finche’ non entreremo in possesso dell’ordinanza di custodia cautelare”, ha ammesso l’avvocato Alessia Papi, che con Luca Patalini difende i due. Per domani restano fissati gli accertamenti irripetibili che la polizia scientifica eseguira’ su due auto e due moto dei Menenti e sull’abitazione di Frontignano di Todi, abitazione di papa’ Riccardo (romano di origine) e della moglie. Gli inquirenti vi cercheranno tracce di sangue o polvere da sparo.

Julia pensa al suo amore: “Ho avvertito io Julia”, ha rivelato Luca Maori, legale che assiste la giovane, “per evitarle di essere importunata in queste ore molto delicate. E’ scoppiata subito in pianto: in un certo senso per lei e’ stata una liberazione perche’ con l’assassino libero temeva per la sua vita”. Ma il primissimo pensiero di Julia e’ stato per il fidanzato morto. “Per quanto le notizie sull’ottimo lavoro degli inquirenti la sollevino – ha concluso l’avvocato – resta comunque in lei la disperazione per aver perso Alex”.

La famiglia Polizzi: Ha accolto «con sollievo e speranza» la notizia degli arresti per l’omicidio di Alessandro Polizzi i familiari del giovane ucciso a Perugia. Che comunque con i loro legali, gli avvocati Nadia Trappolini e Giovanni Rondini commentano “con cautela” gli sviluppi dell’indagine. «La speranza dei genitori di Polizzi – ha detto l’avvocato Trappolini – è che questa sia la svolta delle indagini. Per dare un volto a chi ha ucciso il figlio e dire perchè lo ha fatto. Si augurano comunque che le indagini non si fermino». Il legale ha quindi espresso apprezzamento per il «lavoro eccellente» fatto dalla Procura e dalla squadra mobile di Perugia.

Il delitto: Alessandro Polizzi è stato ucciso con un colpo di pistola la notte del 26 marzo. Il killer, che Julia aveva detto di ritenere una persona dall’aspetto familiare, aveva il volto coperto da un passamontagna, forse un sottocasco da motociclista, era entrato nell’appartamento di via Ettore Ricci dove Julia Tosti, 20 anni, stava dormendo insieme al fidanzato. L’assassino ha sparato e colpito Alessandro, che ha lottato con lui, spingendolo fuori dalla stanza prima di morire per la ferita riportata e le botte in testa inferte dal killer con una spranga di ferro. La stessa con la quale poi è stata colpita Julia.
L’aggressore è poi scappato per il sopraggiungere dei vicini di casa. Valerio e Riccardo Menenti sono stati iscritti nel registro degli indagati il 28 marzo, quando il pm Antonella Duchini ha dato l’incarico ai medici legali Laura Paglicci Reattelli e Anna Maria Verdelli.
Lunedì scorso sono iniziati gli esami della polizia scientifica. Probabilmente proprio dai laboratori degli esperti sarebbero arrivati gli elementi decisivi per confermare i sospetti.

Video – omicidio via Ricci

Foto (Belfiore) omicidio via Ettore Ricci

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*