Ricatto sul web al consigliere Solinas, la nostra intervista

Ricatto sul web al consigliere Solinas, la nostra intervista
Dottor Attilio Solinas

Ricatto sul web al consigliere Solinas, la nostra intervista
Il consigliere Attilio Solinas vittima di un ricatto accaduto lo scorso mese di agosto. Una amicizia sbagliata su Facebook con una donna e poi una videochat su Skype. E’ quanto accaduto al consigliere del PD. Un organizzazione (presunta) della Costa d’Avorio, gli aveva chiesto per bloccare i suoi video 75 mila euro, 2500 da versare subito alla sorella della donna con la quale stava chattando.

Dopo l’intervista pubblicata stamani su Repubblica, noi lo abbia sentito, queste le sue parole:

Dottor Solinas una storiaccia di fatto, no? Che cosa la giustizia e gli investigatori sono riusciti ad appurare?
Io ho fatto denuncia, ma la polizia postale mi dice che è pressoché impossibile risalire agli autori di questi via Facebook perché hanno una base in Africa, in Costa d’Avorio, e si muovono richiedendo soldi tramite Money Transfer per cui assolutamente irrintracciabile dal punto di vista del movimento di denaro.

Di fatto che cosa è successo, ormai risale a qualche tempo fa?
Risale ad alcuni mesi fa. Un contatto una richiesta di amicizia di una donna su Facebook che ho accettato poi è iniziata una chat con pretesti banali, con domande di ordine medico, clinico alle quali io ho risposto, dopo di che abbiamo fatto una videochat via skype sempre assolutamente innocue ed innocente, da lì dopo qualche mese dopo è partito un video e un foto montaggio che ritraevano la mia persona con il quale, tramite messenger e Facebook, mi è stato fatto un ricatto dove mi chiedevano soldi, altrimenti avrebbero diffuso queste mie immagini.

Lei è riuscito a fare oscurare subito tutto?
Il video montaggio è stato subito bloccato, mentre Facebook ha dei meccanismi molto lenti per bloccare questi profili falsi che sono stati utilizzati contro di me.

Dal punto di vista politico avrà qualche ripercussione politica?
Direi di no, anche perché molti mi conoscono, io sono una persona irreprensibile, non ho mai avuto storie od eventi sfavorevoli a livello giudiziario, dal punto di vista della mia moralità non ce stato mai niente da eccepire, non credo di avere motivi di preoccupazione in questo senso.

Qualche personalità politica si è già mossa nei suoi confronti? Sono arrivati dei messaggi di solidarietà?
Ho avuto solidarietà dagli amici, a suo tempo chi mi aveva segnalato questo profilo falso, un mio amico assessore, poi la presidente Porzi mi ha mandato un messaggio di amicizia e solidarietà. Io sono tranquillo perché le persone mi conoscono e sanno che da parte mia è stato una cosa innocente, ma che ha innescato un meccanismo assolutamente perverso che deve servire a mettere in guardia tutti da questa possibilità che è molto attuale. La polizia postale mi ha detto che ricevono tre denunce al giorno.

Ricatto sul web al consigliere Solinas

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*