Rapina e picchia fratello e cognata in una villa a Colle Umberto di Perugia [VIDEO]

L'italiano ha agito in coppia con un pakistano e sono stati catturati a Terni

Rapina e picchia fratello e cognata in una villa a Colle Umberto di Perugia
I due banditi arrestati

Rapina violenta nella notte in un villa di Perugia, arrestati i banditi – Questa notte, verso le 02.30, un equipaggio dell’Aliquota Radiomobile di Terni, coadiuvato dai colleghi di Amelia e da due equipaggi della Polstrada di Terni e Todi, ha bloccato vicino Terni sull’E45 all’imbocco del Raccordo autostradale Terni Orte nei pressi di un’area di servizio l’autovettura a bordo della quale erano in fuga i due autori di una rapina in villa perpetrata poco più di 2 ore prima a Perugia.

Verso le 23.30 precedenti infatti un 69enne di Ronciglione (VT), insieme ad un suo amico pakistano 24enne residente nel suo stesso comune, si era recato a Monte Tezio di Perugia presso la villa del fratello, un 75enne oncologo. I due, avuto accesso con una scusa in casa, usando anche una chiave inglese, aggredivano violentemente il dottore e la moglie 70enne colpendoli al volto.



Dopo essersi fatti consegnare con minaccia il denaro contante presente in casa, alcuni monili e i 2 cellulari delle vittime, che venivano lasciate con le mani legate con degli stracci, i rapinatori fuggivano con l’autovettura dell’italiano.

Fortunatamente poco dopo, grazie anche ad alcuni movimenti sospetti notati da una vicina, veniva dato l’allarme e diramate le ricerche dei fuggitivi.

L’autovettura, grazie ad un dispositivo ben predisposto di comune accordo fra le due Forze di Polizia., veniva intercettata all’altezza di Terni, all’imbocco del RATO nei pressi id un’area di servizio, ed i due occupanti venivano prontamente bloccati. Alla coppia veniva sequestrata sia la chiave inglese utilizzata per l’aggressione, ancora sporca di sangue, che tutta la refurtiva, parte della quale era stata occultata dagli autori nei calzini.

I due rapinatori, sottoposti a fermo di indiziato di delitto per rapina aggravata, sequestro di persona e lesioni personali aggravate, venivano associati al carcere di Terni.


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*