Rapina Mugnano, due albanesi arrestati, si cerca un terzo [FOTO]

Tre ordinanze di custodia cautelare nei confronti di tre albanesi, due delle quali eseguite. E’ questo il bilancio di una complessa attività di indagine condotta dalla quarta sezione anti-rapina della squadra mobile di Perugia, al seguito del vicequestore aggiunto, Marco Chiacchiera.

I fatti risalgono al 7 ottobre 2014 quando due anziani di Mugnano (Perugia) furono vittime di una rapina avvenuta nella loro abitazione. I malviventi entrarono con volto coperto e minacciarono gli anziani con una pistola, “scarrellandola” più volte. I rapinatori, dalla casa, portarono via oro e alcuni oggetti di valore, più due auto di proprietà dei proprietari della abitazione.

«L’attività di indagine è cominciata immediatamente – è stato spiegato in una conferenza stampa da Marco Chiacchiera, vicequestore e dirigente della squadra mobile -, i soggetti sono stati individuati nell’arco di due mesi».

Un albanese stava scontando gli arresti domiciliari, ma era evaso poco prima. Il secondo, invece, era stato trovato in possesso dell’auto rubata alla famiglia insieme a una terza persona, poi fuggita con un’auto trovata dalla polizia di Frosinone, in quanto stavano fuggendo verso Caserta. A compiere la rapina materialmente sono stati in due, entrambi albanesi, uno del ’92 e l’altro dell’89. C’era anche un terzo soggetto che fungeva da basista, da palo e da autista. Quest’ultimo, sempre albanese, è ancora ricercato. I due arrestati sono stati bloccati in Campania, la scorsa settimana.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*