Ragazzo svizzero vittima di uno scherzo mentre fa bagno in piscina

Famiglia intossicata da monossido di carbonio a Castiglione

Nel tardo pomeriggio di oggi è stato accompagnato al pronto soccorso della Pediatria del S.Maria della Misericordia un ragazzo di 14 anni, di origine svizzera rimasto vittima di uno scherzo di un coetaneo mentre stavano facendo il bagno in una piscina di una residenza privata alla periferia nord di Perugia, Il ragazzo svizzero, che sta trascorrendo un periodo di vacanza con i genitori è stato afferrato per la testa dal coetaneo e costretto a restare sott’acqua. Le conseguenze sono state allarmistiche solo nella prima fase dei soccorsi, ma ugualmente i genitori hanno voluto accompagnarlo in ospedale. I medici solo per motivi precauzionali lo tratterranno per alcune ore. Stessa decisione per un bambino di tre anni, di origini inglesi anche lui sottoposto alle terapie dei sanitari della Pediatria, che ha corso il rischio di annegare mentre giocava con il fratello sulla riva del Trasimeno, a Castglione del Lago.Le condizioni di entrambi sono considerate soddisfacenti dal medico di turno Dr. Eduardo Farinelli.Vengono trattenuti in osservazione, per motivi meramente precauzionali, come riferisce una nota dell’ufficio stampa dell’azienda ospedaliera di Perugia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*