Raffaele Sollecito rinviato a giudizio per diffamazione e vilipendio

Omicidio Meredith, legali Sollecito scrivono lettera a Rai

PERUGIA – Raffaele Sollecito è stato rinviato a giudizio dal gup di Firenze per vilipendio alle Forze dell’ordine e diffamazione ai danni di Giuliano Mignini, il pm che indagò sulla morte di Meredith Kercher. Il giudice fa riferimento ad alcuni passsaggi del libro “Honor bound” il mio viaggio all’inferno e ritorno con Amanda Knox, scritto dall’ingegnere pugliese e da Andrew Gumbel. Il libro è stato pubblicato negli Stati Uniti d’America. L’indagine che ha portato al rinvio a giudizio  scaturita da una querela di Mignini. Il magistrato si è ritenuto diffamato da una serie di passaggi del libro nel quale Sollecito ricostruisce la sua vicenda giudiziaria legata all”omicidio di Meredith Kercher. “Con questo libro – ha detto l”avvocato Brizioli -, Raffaele ha voluto dire la sua verita”. Lo scrisse dopo essere stato assolto in appello e quattro anni trascorsi ingiustamente in carcere come ha poi stabilito anche la Cassazione con un verita” definitiva. A questo punto nel dibattimento dimostreremo ancora una volta l”innocenza di Raffaele Sollecito”. La prima udienza del processo e” stata fissata per maggio 2016.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*