Querce secolari abbattute abusivamente

Elevate sanzioni amministrative per oltre 2 mila euro a titolari di ditte boschive per tagli boschivi irregolari

Querce secolari abbattute abusivamente

Sottufficiali ed Agenti del Comando Stazione di Terni del Corpo forestale dello Stato durante la ordinaria attività di controllo del territorio hanno accertato gravi illeciti effettuati nel corso di utilizzazioni boschive effettuate in diverse località del comune di Terni.

In particolare in località Monte Restano di Piediluco una ditta boschiva,  non residente in Regione, aveva tagliato 6 ettari di bosco senza lasciare a dote del bosco, come prevede la specifica normativa forestale regionale, le piante matricine dei vecchi turni e, cosa ben più grave, senza preservare dal taglio le piante di grandi dimensioni; per tali irregolarità sono state comminate al responsabile legale dell’impresa boschiva sanzioni amministrative per l’importo complessivo di 18.000 euro.

In località Piedimonte, in una zona di alto valore paesaggistico e a rischio idrogeologico, un’altra ditta aveva tagliato un bosco rilasciando come piante matricine alberi non idonei che comprometteranno la rinnovazione della selva, oltre ad aver causato durante le operazioni di esbosco danneggiamenti del suolo e delle ceppaie ed aver sconfinato nel bosco limitrofo di proprietà del Comune; per tali irregolarità sono state comminate al responsabile legale dell’impresa boschiva sanzioni amministrative per oltre 2.000 euro.

La normativa sui tagli boschivi prevede tra le altre cose, al fine di tutelare il patrimonio boschivo, il rilascio a dote del bosco di un certo numero di piante  più  vecchie, al fine di garantirne la rinnovazione ed assicurare un’adeguata copertura arborea, nonché il rilascio di una pianta per ettaro tra quelle di maggiori dimensioni.

Quest’ultima fattispecie è prevista per ragioni paesaggistiche e per la tutela della biodiversità legata alle foreste, infatti questi alberi forniscono nicchie ecologiche come cavità, crepe, tasche di corteccia, grandi rami secchi, epifite, essudati linfatici o legno marcescente che sono dei microhabitat essenziali per la vita della fauna e flora minore, rappresentando un elemento in grado di contribuire alla complessità strutturale ed ecosistemica del bosco.

Querce secolari

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*