Unipegaso

Procura Milano, Ordine frati minori si oppone alla richiesta di archiviazione

L’ENTE È PERSONA OFFESA DAL REATO DEI GRAVI AMMANCHI

Procura Milano, Ordine frati minori si oppone alla richiesta di archiviazione

Procura Milano, Ordine frati minori si oppone alla richiesta di archiviazione

Da lucavitaleassociati.it
La Casa Generalizia dell’Ordine dei Frati Minori, con riferimento al procedimento penale pendente presso la Procura di Milano ove l’ente è persona offesa dal reato per la nota vicenda dei gravi ammanchi di denaro verificatisi nel recente passato, rende noto di aver presentato atto di opposizione alla richiesta di archiviazione formulata dai Pubblici Ministeri.

L’iniziativa risponde alla convinzione che il materiale probatorio raccolto durante le indagini consenta un approfondimento nell’auspicabile direzione di instaurare il processo su quanto emerso all’esito del lavoro sinora svolto dall’Autorità Giudiziaria.

da L’Avvenire

Si è suicidato Leonida Rossi, il broker italo-svizzero finito sotto indagine a Milano con l’accusa di riciclaggio di denaro di provenienza illecita nell’ambito dell’inchiesta sull’ammanco da circa 50 milioni di euro nelle casse dell’Ordine dei Frati Minori. L’uomo, 78 anni, è stato trovato questa mattina impiccato nella sua abitazione di Lurago D’Erba, in provincia di Como. La sua decisione di farla finita è arrivata dopo la perquisizione di ieri nella sua stessa residenza nel Comasco e nella società Anycon a lui riconducibile.

Secondo la ricostruzione della Procura di Milano, il professionista, che si muoveva tra Svizzera e Italia, avrebbe investito il denaro dei francescani grazie agli incarichi ricevuti da Giancarlo Lati, economo della Curia Generalizia dell’Ordine dei Frati Minori, Renato Beretta, economo della provincia lombarda e Clemente Moriggi, economo della Conferenza dei Ministri Provinciali dell’Ordine dei Frati Minori. Avrebbe così riciclato oltre 26 milioni di euro sottratti alle casse dei francescani impiegandoli in “attività economiche, in particolare in attività edilizie speculative”, come si legge nel decreto di perquisizione firmato dai pm Adraino Scudieri, Alessia Miele e Sergio Spadaro.

da Corriere Milano

C’era sempre «il signor Rossi» a risolvere le pratiche logistiche, le forniture necessarie o gli impicci materiali dei frati che andavano in missione religiosa nel Corno d’Africa. Ma è proprio grazie a questa fiducia, guadagnatasi agli occhi dell’Ordine dei Frati minori, che il 78enne Leonida Rossi – italiano di nascita, milanese di società con sede a due passi dal Tribunale in via Manara, kenyano di residenza estera, e svizzero per sedicente attività fiduciaria che prometteva interessi del 12% sui capitali affidatigli – è ora accusato di «impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita», ovvero frutto di «un ammanco in enti religiosi di almeno 49 milioni e mezzo di euro nel periodo 2007-2014».

Lasciti, testamenti e donazioni alimentanti le casse della Provincia lombarda dei Frati minori francescani (per 23,5 milioni), della Conferenza dei ministri provinciali (3 milioni), e della Casa generalizia dell’Ordine disciplinato dalla regola del 1223 di papa Onorio III, presente in 110 Paesi, e organizzato in 99 Province, 8 Custodie autonome, 14 Custodie indipendenti e 20 Fondazioni, con al proprio vertice il soggetto giuridico autonomo Casa generalizia (detta anche Curia generale).

Ma già spuntano le fila di altri clienti enti religiosi, come nel caso di 680.000 euro che risultano essere stati affidati a Rossi nel 2010-2012 dall’Opera Don Bosco per le missioni. Mentre mercoledì nel caso di Rossi sono finiti nel mirino degli inquirenti la sua società milanese Anycom srl, una villa in provincia di Como, una abitazione in Valle d’Aosta, i cantieri di un villaggio vacanze a Malindi in Kenya e il progetto di un hotel da costruire in Eritrea sul Mar Rosso, i pm milanesi Alessia Miele, Adriano Scudieri e Sergio Spadaro hanno indagato per «appropriazione indebita» tre frati: l’ex economo della Curia generale Giancarlo Lati, l’ex economo provinciale Renato Beretta, e l’ex economo della Conferenza, Clemente Moriggi: a far scoperchiare lo scandalo, infatti, è stata la trasparenza dei nuovi economo e rappresentante legale della Provincia lombarda, Marco Fossati e Giuseppe Maffeis, subentrati nel 2013 ai quasi tre lustri di gestione Beretta.

Già il passaggio di consegne li inquieta tra anomalie nella documentazione contabile, informazioni con il contagocce, e soprattutto fumose risposte attorno alla figura di uno strano soggetto: il «signor Rossi», presentato da frate Beretta come una persona di fiducia del suo scomparso predecessore frate «Ilarino» Valentino Mastaglia, e da tanti anni affidatario di lasciti e donazioni da gestire e far rendere con promesse del 12% di rendimenti.

La puzza di bruciato diventa arrosto appena i nuovi amministratori chiedono allora la restituzione dei capitali dell’Ordine secondo quanto attestato da improbabili rendiconti volanti dell’italo-svizzero: se frate Beretta risponde «in maniera contraddittoria ed evasiva», finendo per ammettere di «non poter consegnare ulteriore documentazione perché distrutta come da accordo con il signor Rossi», costui fa a sua volta il vago, dice di non essere in grado di ridare un quattrino neppure parzialmente, poi promette di iniziare una parziale restituzione «fra qualche mese», e alla fine butta lì ai frati l’offerta bizzarra della «intestazione» di un «mio hotel del valore commerciale di 70 milioni di euro» in Eritrea, in realtà investimento ancora sulla carta e comunque sconosciuto ai frati.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*