Primo braccialetto elettronico nel Ternano, per un uomo ai domiciliari in comunità ad Amelia

AMELIA – Tentativo di rapina, è questo il reato contestato ad un uomo che tentò un colpo nella metropolitana di Roma. Per quel reato, ora, è ai domiciliari nella sede della Comunità “Molino Silla” di Amelia ed è il primo ad avere il braccialetto elettronico nel ternano. Il giudice per le indagini preliminari, Angelo Matteo Socci, disponendo l’istituto dei domiciliari nella struttura fondata da Don Pierino, ha anche decretato che l’uomo dovrà seguire un programma terapeutico e per questo ha fatto applicare il braccialetto elettronico. Quel dispositivo è in grado di segnalare, per l’esattezza alla Polizia, se la persona si allontana dal luogo di detenzione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*