Ponte San Giovanni, paura di essere licenziata, tenta il suicidio, salvata

tevere_ponte_san_giovanniPONTE SAN GIOVANNI – Tre operatori della Squadra Mobile, nella mattinata, impegnati in un ordinario servizio di perlustrazione “anti-rapina”, grazie ad un intervento estremamente rapido, hanno soccorso una donna perugina 55enne la quale, in un gesto disperato, tentava di togliersi la vita gettandosi nelle acque del fiume Tevere. Verso le ore 11 giunge al 113 la telefonata di una testimone la quale, passando nei pressi della zona “Ponte di Legno” in località Ponte San Giovanni – Via della Valtiera, ha letteralmente visto la scena di una donna che si è gettata nel fiume, all’evidente fine di “farla finita”.

L’allarme scatta immediatamente: la Centrale 113 avvisa tutte le pattuglie sul territorio, e quella composta dagli tre Assistenti Capo della Squadra Mobile ed impiegati in altro genere di servizio, con sirena e lampeggiante in funzione riesce a raggiungere la zona dell’intervento in pochissimi minuti, mantenendosi in costante contatto radio con la Centrale per richiedere eventualmente l’ausilio di altri uomini, mezzi e soprattutto del 118.

Arrivati sull’argine del fiume i tre operatori si precipitano in direzione di una sagoma scura che capiscono immediatamente trattarsi del corpo della donna segnalata: noncuranti del pericolo e delle lesioni e dei tagli provocati dagli scogli, riescono a raggiungerla.

La difficoltà dell’intervento non è tanto nell’estrazione del corpo della donna dal fiume, quanto nel riuscire ad afferrarla prima che lei se ne accorgesse, atteso che la vista di eventuali soccorritori la avrebbe, come l’esperienza insegna, magari determinata ad “accelerare” il risultato del suo intento suicida.

I tre agenti della Mobile, pertanto, riescono non solo a raggiungere la sagoma con tempestività e destrezza, ma soprattutto ad afferrarla ed a tirarla fuori dalle acque prima che fosse troppo tardi: la donna, infatti, la quale aveva già cominciato ad emettere dei comprensibili lamenti, quasi completamente sommersa, trascinata dalla corrente era rimasta incagliata tra gli scogli e, oltre a presentare i chiari segni dell’ipotermia, se recuperata qualche attimo dopo, sarebbe con ogni probabilità annegata.

Una volta resasi conto che qualcuno tentava di salvarla la donna, come previsto, cercava di resistere al salvataggio, rivelando tutta la sua disperazione ed una certa determinazione a togliersi la vita, ma anche in questo caso la professionalità degli operatori aveva la meglio ed i tre, l’uno sostenuto e retto dall’altro per non finire nella corrente, sono riusciti a mettere in sicurezza l’aspirante suicida, constatando l’evidente stato di malessere, poi diagnosticato come ipotermia, ed attendendo l’arrivo del personale 118 per il successivo trasporto in ospedale, dove è attualmente sottoposta alle cure del caso e dove il pericolo di morte è stato ampiamente scongiurato proprio grazie alla tempestività ed alla risolutezza dei tre impavidi poliziotti.

Gli investigatori intervenuti, naturalmente, non si sono limitati all’emergenza, ma hanno proseguito la loro attività sentendo i testimoni sul fatto ed il marito della donna per quanto riguarda le eventuali cause di tale gesto: il marito, sollevato dall’esito dell’accaduto, ha riferito agli agenti che lo stato di agitazione e disperazione della moglie era con ogni probabilità dovuto a problematiche di lavoro visto che recentemente le era stato comunicato il concreto pericolo di un licenziamento.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*