Polizia Postale, cyberterrorismo pedopornografia financial cybercrime, i dati del crimine online

I social network si confermano essere la piattaforma più a rischio per l’adescamento dei minori

Cyberterrorismo pedopornografia financial cybercrime, il crimine nella rete, dati Polizia Postale

Cyberterrorismo pedopornografia financial cybercrime, il crimine nella rete, dati Polizia Postale

Prevenzione e al contrasto della criminalità informatica con particolare attenzione al fenomeno degli attacchi informatici, dal financial cybercrime In uno scenario nel quale la continua evoluzione tecnologica influenza ogni azione del nostro vivere quotidiano, lo sforzo della Polizia Postale e delle Comunicazioni nel 2015 è stato indirizzato alla prevenzione e al contrasto della criminalità informatica con particolare attenzione al fenomeno degli attacchi informatici, dal financial cybercrime, alla pedopornografia online, al fenomeno emergente del cyberterrorismo.

Pedopornografia online

I social network si confermano essere la piattaforma più a rischio per l’adescamento dei minori, con un aumento dei casi in cui vengono utilizzati i cosiddetti  giochi di ruolo, ossia tutti quei giochi  che prevedono la possibilità di collaborare o gareggiare tra più utenti.

Per lo scambio di materiale pedopornografico, sempre più spesso viene utilizzata la  “darknet”, spazio web nascosto dove è più facile l’anonimizzazione.

DATI PEDOPORNOGRAFIA:

 

ATTIVITA’ INVESTIGATIVA 2015
ARRESTI 1
PERSONE DENUNCIATE 3
DENUNCE DI VITTIME DI ADESCAMENTO ON LINE 8

 

Polizia Postale

 

ATTIVITA’ DI PREVENZIONE 2015
SITI MONITORATI 292
NUOVI SITI INSERITI IN BLACK LIST 88
TOTALE SITI IN BLACK LIST 179

 

Attacchi informatici

 

Sul fronte degli attacchi informatici il Compartimento di Perugia nel luglio scorso ha portato a termine un’attività di indagine che ha permesso di individuare i componenti di un gruppo di giovani hacker responsabili di attacchi ai danni dei sistemi informatici di siti istituzionali, imprese private con particolare accanimento nei confronti di siti di istituti scolastici, università ed enti di ricerca.

Con l’inizio dell’anno giubilare straordinario è stato avviato un costante monitoraggio dei siti a qualsiasi titolo legati all’evento.

Molto insidioso nel 2015 si è rivelato il fenomeno del cosiddetto “cryptolocker”, virus che celato all’interno di una finta mail con relativo allegato, colpisce i pc di aziende, privati e istituzioni bloccandone il contenuto che può essere ripristinato solo dietro pagamento di un riscatto richiesto solitamente in bitcoin.

 

ATTACCHI INFORMATICI 2015
ATTACCHI RILEVATI 18
INDAGINI AVVIATE 3
PERQUISIZIONI 10
PERSONE DENUNCIATE 11
MONITORAGGI 40

 

Financial cybercrime

Nel giugno scorso il Compartimento coordinato dal Servizio Polizia Postale, ed in collaborazione con Interpol, Polizia Spagnola, Polacca, Inglese, Belga, Georgiana , Camerunese e nigeriana, ha concluso una complessa attività di indagine che ha portato all’arresto di 62 persone (di cui circa la metà su ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP presso il Tribunale di Perugia), prevalentemente di origine nigeriana e camerunese, responsabili  di attacchi informatici e truffa ai danni di piccole e medie aziende sedenti in Italia e all’estero.

Per tale operazione la Direzione Generale della Polizia Spagnola nel novembre scorso ha voluto ringraziare con la consegna di un riconoscimento la Polizia italiana.

Sempre insidiosi si rivelano i fenomeni del Phishing e la clonazione di carte di credito.

Cyberterrorismo

Il Compartimento Polizia Postale di Perugia, ha concorso con altri organi di Polizia alla prevenzione e al contrasto dei fenomeni di eversione e terrorismo. Costante è il monitoraggio della rete per individuare forme di proselitismo e segnali precoci di radicalizzazione in rete, ma anche iniziative di natura razzista, xenofobo, sessuofobia o comunque ispirate a reati di odio.

 

CYBERTERRORISMO 2015
SPAZI WEB VERIFICATI 160
SPAZI WEB MONITORATI 27
ACCERTAMENTI IN COOPERAZIONE CON ALTRI ENTI 6
SPAZI WEB SEGNALATI DAI CITTADINI 12

 

ATTI DISCRIMINATORI NEI CONFRONTI DELLE MINORANZE
SEGNALAZIONI 2

Parallelamente all’incremento del mezzo telematico, sono cresciute le aspettative di sicurezza da parte del cittadino. Per tale motivo, in una moderna ottica di prevenzione generale, il portale del Commissariato di P.S. online è divenuto il punto di riferimento specializzato per chi cerca informazioni, consigli, suggerimenti di carattere generale, o vuole scaricare modulistica e presentarne denunce.

Uno strumento agevole che consente al cittadino, da casa, dal posto di lavoro o da qualsiasi luogo desideri, di entrare nel portale ed usufruire dei medesimi servizi di segnalazione, informazione e collaborazione che la Polizia postale e delle Comunicazioni quotidianamente ed ininterrottamente offre agli utenti del web. Ad integrare tale opportunità, è disponibile un’applicazione dedicata scaricabile gratuitamente sul proprio smartphone o su tablet, sia per la piattaforma apple che android.

COMMISSARIATO VIRTUALE
DENUNCE PRESENTATE 63

La Polizia Postale e delle Comunicazioni è impegnata, ormai da diversi anni, in campagne di sensibilizzazione e prevenzione sui rischi e pericoli connessi all’utilizzo della rete internet, rivolte soprattutto alle giovani generazioni.

I recenti gravissimi episodi di cronaca, culminati con il suicidio di alcuni adolescenti, il dilagante fenomeno del cyberbullismo e tutte quelle forme di uso distorto delle rete in generale e dei social network in particolare, hanno indotto la Specialità a riproporre delle importanti iniziative di prevenzione sulla rete.

In particolare il progetto “Una vita da Social” si avvicina alle nuove generazioni evidenziando sia le opportunità del web che i rischi di cadere nelle tante trappole dei predatori della rete.

La parte itinerante del progetto ha visto il truck appositamente allestito fare tappa nel marzo scorso ad Orvieto e Spoleto con due importanti testimonial quali il musicista Lorenzo Cantarini,  dei Dear Jack e l’attrice Serena Autieri.

Nel mese febbraio 2016 sono previste altre due tappe umbre ad Assisi e Foligno.

Nello scorso anno sono stati realizzati numerosi incontri educativi su tutto il territorio regionale raggiungendo 6760 studenti e 42 istituti scolastici.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*