Primi d'Italia

Pianello, la statale 381 necessita di interventi, l’appello dei residenti

La sicurezza cittadina deve essere una priorità per le amministrazioni ma anche per le aziende, specialmente se pubbliche

Pianello, la statale 381 necessita di interventi, l’appello dei residenti

Pianello, la statale 381 necessita di interventi, l’appello dei residenti

PERUGIA – La frazione di Pianello reclama attenzione: “Qualcuno intervenga a sistemare il manto stradale della SS 381 rovinato da tempo”. L’appello che alcuni residenti lanciano per voce del referente cittadino Lega Nord, David Bonifazi congiuntamente al Commissario Cittadino Riccardo Augusto Marchetti, è chiaro: “Per conformazione geografica, la frazione di Pianello è soggetta, più di altre ad alluvioni per questo sarebbe auspicabile un occhio di riguardo da parte dell’Ente preposto, se ciò non fosse possibile almeno garantire la sicurezza cittadina”. Il ripristino della strada in questione, per altro la principale dell’intera frazione, è competenza di Anas la quale, già da tempo, avrebbe dovuto provvedere a ripristinare le grosse buche causate da un eccesso di traffico pesante e da lavori per l’installazione dell’adsl.

“Così si mette a rischio la sicurezza dei pedoni e degli automobilisti – tuona Bonifazi – è insostenibile una situazione simile. Inoltre, con l’apertura del nuovo tratto di E45, Perugia – Ancora, il traffico pesante è sensibilmente ridotto quindi non ci sono più attenuanti per rimandare l’intervento”. A preoccupare il referente cittadino Lega Nord anche dei piccoli tubi di scorrimento posti nel fossato sottostante alla SS 381 e vicino allo svincolo E 45.

Le aperture di tali condotti risultano otturate a seguito dell’alluvione del Giugno scorso ed andrebbero pulite. “Confidiamo – ha spiegato Marchetti – in un intervento immediato da parte di Anas per garantire una viabilità sicura e soprattutto per evitare disastri simili a quelli verificatesi durante l’alluvione dello scorso Giugno a Pianello. La sicurezza cittadina deve essere una priorità per le amministrazioni ma anche per le aziende, specialmente se pubbliche”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*