Perugina tenta il suicidio con i farmaci, salvata in extremis

Trasportata in ospedale per le prime cure, è stata poi trasferita in una struttura specializzata fuori regione

Con una testata rompe il naso ad un 17enne in discoteca, denunciato

Perugina tenta il suicidio con i farmaci, salvata in extremis

PERUGIA – Aveva deciso di farla finita a seguito, forse, di una relazione sentimentale della quale non aveva accettato la conclusione. E per farlo, una perugina  aveva pianificato di iniettarsi dapprima un forte anestetico e, una volta intontita, una dose di cloruro di potassio che avrebbe provocato un immediato arresto cardiaco. Ma, fortunatamente, le prime dosi di anestetico le hanno fatto perdere i sensi impedendole di iniettarsi la dose fatale.

La Perugina è stata soccorsa dalla polizia dopo che un ciclista l’ha trovata esanime al parco di Lacugnano

A trovarla, esanime, è stato un ciclista di passaggio all’interno del parco di Lacugnano che, vedendo il corpo immobile della donna, ha chiamato immediatamente i soccorsi sanitari ed il 113. All’arrivo della volante, i medici erano al lavoro per rianimarla e stabilizzarla al fine di poterla trasportare in ospedale.

Accanto alla donna, una lettera di spiegazioni ed alcuni manoscritti con pensieri e riflessioni personali. L’intervento tempestivo del passante e dei medici ha consentito di neutralizzare l’effetto dei farmaci già assunti e di salvarle la vita. Trasportata in ospedale per le prime cure, è stata poi trasferita in una struttura specializzata fuori regione.

 


Cloruro di potassio

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.
Cloruro di potassio
Cloruro di potassio in polvere su di un vetro da orologio
Nome IUPAC
cloruro di potassio
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare KCl
Peso formula (u) 74,55
Aspetto solido cristallino bianco
Numero CAS 7447-40-7
Numero EINECS 231-211-8
PubChem 4873
DrugBank DB00761
SMILES [Cl-].[K+]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 1,98
Solubilità in acqua 330 g/l a 293 K
Temperatura di fusione 773 °C (1046 K)
Temperatura di ebollizione 1413 °C (1686 K)
Proprietà termochimiche
ΔfH0 (kJ·mol−1) −436,5
ΔfG0 (kJ·mol−1) −408,5
S0m(J·K−1mol−1) 82,6
C0p,m(J·K−1mol−1) 51,3
Indicazioni di sicurezza
Frasi H
Consigli P [1]

Il cloruro di potassio è il sale di potassio dell’acido cloridrico. La sua formula è KCl e come minerale prende il nome di silvite.

A temperatura ambiente si presenta come una polvere cristallina bianca. In natura si rinviene in rocce evaporitiche (che prendono il nome, nell’industria mineraria, di silviniti se ad alto contenuto di silvite) costituite da diversi sali potassici quali silvite, carnallite, kainite e altri, miscelati con halite (NaCl).

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*