PERUGIA, TAV, LORENZETTI RESPINGE LE ACCUSE

Maria Rita Lorenzetti
Maria Rita Lorenzetti
Maria Rita Lorenzetti

(umbriajournal.com) PERUGIA – Ha respinto, in maniera radicale, tutte le accuse a suo carico Maria Rita Lorenzetti, la ex presidente di Italferr agli arresti domiciliari nell’ambito dell’inchiesta tav da parte della procura di Firenze. Lo ha fatto nell’interrogatorio di oggi pomeriggio davanti al gip di Firenze e durato circa quattro ore. Difesa dagli avvocati Luciano Ghirga e Tommaso Ducci, la Lorenzetti ha respinto in particolare l’accusa di essere stata al vertice di una “squadra” impegnata in attivita’ illecite. “Ha utilizzato questo termine – ha detto l’avvocato Ghirga – nel senso di un gruppo che agiva in maniera compatta nel solo interesse dell’Italferr. Non certo in senso associativo come ipotizzato dai pm”.

 

La ex presidente – secondo quanto sostiene il suo legale – ha quindi voluto affermare che “i suoi comportamenti erano volti esclusivamente a tutelare gli interessi dell’Italferr”. “In particolare – ha aggiunto il legale – per districare un progetto e adottare una non facile soluzione a problemi di assoluta rilevanza tecnico-scientifica e contrattuale. Come quelli relativi alle terre, all’autorizzazione paesaggistica e alle riserve”. Al termine dell’interrogatorio, al quale hanno preso parte anche i p.m. titolari dell’indagine, i difensori della Lorenzetti hanno chiesto la revoca della misura cautelare a carico della loro assistita. In particolare per “l’assenza” del rischio che il reato possa essere reiterato. L’avvocato Ghirga conclude affermando che una decisione sara’ presa domani dal gip dopo aver sentito anche gli altri indagati.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*