PERUGIA: SUONA L’ALLARME DELL’ABITAZIONE DEL FIGLIO E ESPLODE IN ARIA TRE COLPI COL FUCILE DA CACCIA

Polizia

POLIZIAperugiaDInotte(umbriajournal.com) PERUGIA – Questa notte le Volanti sono intervenute a Sant’Egidio per una segnalazione di una persona che aveva esploso dei colpi in aria a scopo intimidatorio. Nello specifico, la segnalazione al 113 da parte di alcuni residenti della zona rilevavano un allarme acustico proveniente da un’abitazione vicina che era entrato in funzione da diversi minuti e poco dopo udivano distintamente diversi colpi esplosi con un’arma da fuoco.

Gli agenti sul posto constatavano che R. M. perugino del ’38, in considerazione del fatto che era scattato l’allarme presso l’abitazione del figlio non distante dalla sua, si destava rapidamente dal sonno e impugnando il suo fucile da caccia esplodeva tre colpi in aria oltre la recinzione che delimitava la sua proprietà, credendo in tal modo di mettere in fuga eventuali malintenzionati. Il fucile, così come i bossoli esplosi venivano sequestrati, mentre la licenza di porto d’armi per uso caccia ritirata in via cautelare .

Il R. M., all’esito degli accertamenti da cui si evinceva che non aveva comunicato alle autorità competenti la variazione del luogo di detenzione del fucile da caccia, avendo da diversi anni mutato residenza, veniva pertanto indagato ai sensi dell’art. 38 T.U.L.P.S. e per il reato di spari in luogo pubblico.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*