Perugia: semina il panico al pronto soccorso e minaccia le infermiere con un coltello, TSO per italiano 36enne

LA POLIZIA HA DENUNCIATO UN 36ENNE PER MINACCE E RESISTENZA A P.U. E PORTO DI OGGETTI ATTI AD OFFENDERE.

Morte per overdose in ospedale al Santa Maria della Misericordia a Perugia
Stefano Gubbiotti - Polizia di Perugia

Serata agitata all’ospedale Santa Maria della Misericordia, dove le Volanti sono dovute intervenire al fine di ricondurre alla ragione un 36enne perugino. E’ accaduto che l’uomo, poco dopo le 21, ha chiamato il 118 chiedendo che un’autoambulanza lo portasse subito al pronto soccorso. Il personale medico lo ha trovato solo in casa, in evidente stato di ebbrezza e in una condizione di complessiva agitazione psicomotoria, sicché lo ha subito condotto presso il nosocomio perugino. Una volta arrivato, però, il 36enne – già noto alle forze dell’ordine perché denunciato in passato per porto ingiustificato di oggetti atti ad offendere, lesioni personali ed altri reati contro la persona – ha completamente perso il controllo di sé. Egli, infatti, dopo aver avvertito le infermiere che avrebbe dato prova della sua follia, ha estratto dalla tasca un coltello a serramanico, le ha minacciate e poi, inopinatamente, ha iniziato ad urlare ed a praticarsi dei tagli all’avambraccio. L’arrivo di alcune dottoresse non ha migliorato le cose, anzi l’uomo ha minacciato anche loro, tanto da rendere indispensabile l’intervento delle Volanti. Gli stessi agenti hanno avuto il loro bel daffare a disarmarlo e a renderlo inoffensivo, visto che il 36enne ha tentato in ogni modo di respingerli, perfino prendendoli a calci; alla fine, però, i poliziotti sono riusciti a togliergli il coltello e ad immobilizzarlo. Per il perugino – che fortunatamente si è procurato soltanto delle ferite superficiali – una denuncia della Polizia per i reati di minacce aggravate, resistenza a pubblico ufficiale. e porto ingiustificato di oggetti atti ad offendere, oltre ad una immediata sottoposizione a trattamento sanitario obbligatorio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*