PERUGIA, RISSA IN VIA SICILIA, ARRESTATI DUE CITTADINI NIGERIANI

Polizia

poliziaPATTUTGLIA(umbriajournal.com) PERUGIA – Stanotte le “Volanti” hanno arrestato in via Sicilia per resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale due cittadini nigeriani al termine di un intervento per rissa.

Una chiamata verso le 2 al 113 segnalava una violenta lite fra 5-6 persone degenerata poi in rissa, scoppiata nei pressi di un locale etnico frequentato abitualmente da africani in via Sicilia, nelle vicinanze del sottopasso che conduce alla stazione di Fontivegge.

Intervenuti rapidamente sul posto, gli agenti sono riusciti a bloccare prima che si dessero alla fuga due dei soggetti che poco prima avevano animato la scazzottata, due uomini di nazionalità nigeriana.

I due, vistosamente feriti al volto ed agli arti, continuavano a percuotersi a vicenda nonostante l’arrivo in massa delle forze dell’ordine, tra cui alcune pattuglie dei Carabinieri arrivati a dare ausilio ai colleghi delle Volanti.

Gli agenti si vedevano costretti a bloccare gli stranieri con l’uso della forza; la violenta reazione dei due nigeriani nei confronti degli operatori però non si faceva attendere, e uno di loro arrivava perfino a “mordere” uno dei poliziotti intervenuti durante le fasi dell’ammanettamento.

Condotti prima al Pronto Soccorso per le cure del caso e successivamente in Questura per gli accertamenti identificativi, i due venivano generalizzati per O. O. G. nigeriano del 1988 con precedenti di polizia per reati contro la persona, e S. M. connazionale del 1991.

Al termine delle formalità di rito i due nigeriani venivano tratti in arresto per i reati di rissa, resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale; il p.m. di turno ne disponeva la traduzione in Carcere a Capanne per rimanere a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Print Friendly, PDF & Email

1 Commento

  1. La questione è seria e richiede interventi decisi. E’ inutile girarci intorno, bisogna chiudere quel locale che è il punto di ritrovo di questa gente.
    Chiedo al Sindaco che fine abbiano fatto le famose ordinanze sulla somministrazione di alcolici e la vendita di bottiglie che sono in vigore anche in quest’area? Ho rispetto delle Istituzioni e delle regole ma credo che il Sindaco debba confrontarsi con Questura e della Prefettura sull’ipotesi di chiudere definitivamente questa attività. Non capisco come l’Amministrazione, che l’ha autorizzata, non possa ritenere urgente adottare interventi in quest’ambito. I cittadini hanno fatto la propria parte pagandosi i servizi di vigilanza privata, ma serve il supporto delle Istituzioni.”

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*