PERUGIA, RINCASA UBRIACO E PICCHIA MOGLIE E FIGLI, DENUNCIATO

Maltrattamenti
Maltrattamenti
Maltrattamenti

(umbriajournal.com) PERUGIA – La Polizia è intervenuta per lite in famiglia ieri sera, 20 marzo 2014. La volante è stata chiamata da una 19enne romena, la quale, piangendo e tamponandosi con una maglietta sporca di sangue il labbro inferiore, ha riferito di essere stata poco prima colpita con un pugno in bocca dal marito della propria madre.

La ragazza, ha raccontato agli agenti che l’uomo era ubriaco e che prima di colpire lei aveva picchiato anche la madre. In casa, durante l’intervento della Polizia, vi era anche la donna che, molto agitata e con voce rotta dal pianto,ha riferito che il proprio marito era rientrato nel tardo pomeriggio in casa in evidente stato di ebbrezza alcolica. L’uomoaveva iniziato ad aggredirla verbalmente senza apparente motivo, cosa che avveniva di frequente.

La donna, secondo il suo racconto, per evitare che la situazione degenerasse, si sarebbe messa a svolgere dei lavori domestici in cucina, ignorando le continue provocazioni del marito fino a quando ha sentito il loro figlio di quattro anni piangere. La donna, raggiunto il bambino, ha appreso dal figlio che era stato spinto a terra dal padre senza un apparente motivo. La donna dopo aver verificato che il bambino stesse bene e dopo averlo consolato, sarebbe andata in bagno dove è stata raggiunta dall’uomo che, urlandole “DOVE SEI? TI AMMAZZO”, l’ ha colpita con un pugno alla schiena.

Spaventata per quanto stava accadendo la figlia della donna ha chiamato la Polizia. La ragazza infatti era rincasata dopo pochi minuti ed è stata anch’essa fatta oggetto di minacce da parte dell’uomo. L’uomo in questione, è stato identificato dagli agenti e, avendo un alito fortemente vinoso, non ha dato nessun tipo di spiegazione in merito ai fatti accaduti.

Il romeno è stato accompagnato in Questura e a tarda notte, dopo una denuncia per lesioni e maltrattamenti in famiglia, accompagnato in un albergo al fine di tutelare l’incolumità delle donne.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*