PERUGIA, PER 25 ANNI CLANDESTINO, 11 ALIAS E 12 ARRESTI, SPACCIATORE RIMPATRIATO

Polizia scorta in Costa d'Avorio pericoloso clandestino
Polizia scorta in Costa d'Avorio pericoloso clandestino

 

rimpatrio forzoso
rimpatrio forzoso

Gli agenti dell’ Ufficio Immigrazione, diretto dal Commissario Capo Claudio Giugliano, ieri notte hanno concluso le complesse procedure che hanno consentito il rimpatrio, in Tunisia, di uno “storico” spacciatore scarcerato il giorno prima da Capanne. EL D. A. , del ’68, era giunto in Italia nel 1988 per stabilirsi a Torino ove è stato arrestato cinque volte per stupefacenti in 10 anni; dichiarando false generalità di cittadini marocchini ha impedito il suo rimpatrio. Dopo una lunga permanenza in carcere veniva rintracciato ed arrestato per la prima volta a Perugia nel 2001; in questi anni ha assiduamente frequentato la zona di Piazza Danti – Piazza Grimana ed è stato arrestato sette volte per spaccio di stupefacenti; più volte è stato rintracciato in casolari abbandonati ed appartamenti occupati abusivamente.

 

L’ ultimo arresto è stato compiuto il primo di ottobre dal REPARTO PREVENZIONE CRIMINE a Ponte San Giovanni, in prossimità del Ponte Vecchio, ove aveva trasferito la abituale attività delittuosa per evitare i controlli della polizia in atto nella zona di Piazza Grimana. Il suo ultimo ingresso in carcere è stato utile agli agenti dell’Ufficio Immigrazione per pianificare il suo viaggio di ritorno in patria e pertanto appena scarcerato è stato condotto in Questura per porre in essere una attività minuziosamente pianificata . Vista la sua clandestinità e la sua attività abituale delittuosa, gli Agenti hanno notificato al Tunisino un provvedimento di espulsione dal Territorio Nazionale con immediato accompagnamento alla Frontiera. Subito dopo è stato “scortato” dal giudice di Pace ove , nonostante la sua veemente opposizione, è stato convalidato il provvedimento di espulsione. In serata è stato accompagnato, sempre sotto la stretta sorveglianza dio tre poliziotti all’Aeroporto di Fiumicino ove è stato predisposto un servizio di “scorta internazionale “ e altri tre agenti si sono imbarcati nello stesso volo per Tunisi ove , a tarda notte, è stato consegnato alla Polizia Tunisina.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*