Perugia, fine pena, spacciatrice nigeriana espulsa

cie trapaniPERUGIA – Gli agenti della Terza Sezione – Espulsioni dell’ Ufficio Immigrazione, diretto dal Vice Questore Aggiunto Maria Rosaria De Luca, ieri hanno provveduto ad espellere e accompagnare al C.I.E. una “storica” spacciatrice nigeriana , a Perugia da 15 anni.

Patricia. O. , del ’74, residente ad Olmo, e per alcuni mesi ha scontato la pena agli arresti domiciliari , era stata arrestata dalla Squadra Mobile per le più importanti operazioni contro lo spaccio internazionale posto in essere dalla consorterie nigeriane in città , nelle operazioni denominate YDRA 1E YDRA 2 .

Accertati anche alcuni casi di falso documentale con cui l’organizzazione consentiva illegalmente il soggiorno in Italia a suoi connazionali.

La straniera, condannata alla pena di anni sei, nel pomeriggio di ieri ha ottenuto, grazie alla liberazione anticipata, di uscire dal Carcere.

Ad attenderla tre poliziotti che l’ hanno condotta in Questura e attraverso le procedure amministrative messe in atto dall’Ufficio Immigrazione veniva accompagnata presso un C.I.E. di Roma da dove, grazie ad una copia del suo passaporto, verrà a breve rinviata nel suo paese di origine munita di decreto di espulsione emesso dal Prefetto di Perugia.

Non potrà piu far rientro in Italia per i successivi 5 anni e prima di farlo dovrà ottenere un “visto”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*