Perugia, parcometri complicati creano disagi, soprattutto agli anziani

Queste moderne operazioni dovrebbero andare a vantaggio degli utenti, e invece...

Perugia, parcometri complicati creano disagi, soprattutto agli anziani

PERUGIA – Nuovi parcometri a Perugia e comincia la bufera su Sipa-Saba, la società che gestisce i più importanti parcheggi al coperto della città. I dispositivi moderni nelle festività natalizie sono stati montati in molte zone, a cominciare da Fontivegge. Sono molto complessi per il cittadino e creano qualche difficoltà. Per poter pagare la tariffa è necessario prima inserire la targa della propria auto.

E chi se la ricorda al primo impatto? Bisogna scendere dall’auto per vederla? O guardare la carta di circolazione? Non è una cosa rapida da fare. Gli anziani poi hanno addirittura difficoltà a inserire il numero nel macchinario, con il rischio di scrivere un numero di targa sbagliato.

Sono molte le proteste degli utenti nelle ultime ore. Spesso vengono inserite le monete senza la targa e i soldi rischiano di andare perduti. Diverse sono le segnalazioni in questi giorni arrivate a vigili, Uffici Mobilità del Comune e alla stessa Sipa.

Queste moderne operazioni dovrebbero andare a vantaggio degli utenti. A cominciare dalla possibilità, una volta indicata la targa, di allungare la sosta senza recarsi in macchina direttamente con le App installate nel telefono, o di farsi rimborsare se il parcheggio dura meno di quanto pagato.

Ma non finisce qui, da quanto appreso ci sarebbe un giallo sulle sulle omologazioni di questi nuovi parcometri. Nella targhetta laterale manca il riferimento all’omologazione da parte del Ministero dei Trasporti. Gli strumenti sono stati realizzati dall’azienda spagnola Parkare. Su questo, l’assessorato alla mobilità comunale dice di non sapere nulla. La notizia è riportata oggi sulla Nazione Umbria.

Print Friendly, PDF & Email

1 Commento

  1. Sempre polemiche allitaliana… qui a Madrid l’hanno installati da tre anni e nessuno si è lamentato, inserendo la targa nn c’è bisogno di tornare indietro a lasciare il biglietto in macchina e, in più, se hai auto a GPL ti fanno lo sconto 50%

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*