PERUGIA, GIOCO E SCOMMESSE ILLEGALI, CONTROLLI SUL TERRITORIO

gdfgiochiscommesseNell’ambito di un più vasto piano di controllo disposto dal Comando Generale della Guardia di Finanza a livello nazionale, i finanzieri dei dipendenti reparti territoriali del Comando Provinciale di Perugia, nella settimana dal 24 al 30 agosto 2013, hanno eseguito una serie di controlli in bar, circoli ricreativi e associazioni, finalizzati alla prevenzione e la repressione del gioco illegale e alla sicurezza e tutela dei minori.

 

Complessivamente, nella città di Perugia e nell’intero territorio provinciale sono stati impiegati 48 finanzieri e sono stati controllati 29 esercizi commerciali, che hanno portato alla segnalazione all’Autorità Giudiziaria di 3 soggetti per violazione dell’art. 110 – commi 1 e 2 – del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, ovvero per la mancata esposizione all’interno dei locali della tabella dei giochi proibiti, documento che deve essere firmato dal questore e vidimato dal sindaco.

 

Per un altro esercente operante nel territorio spoletino sono invece scattate le sanzioni amministrative perché al momento del controllo non è stato in grado di esibire la prescritta licenza prevista dall’art. 86 del T.U.L.P.S. In questo contesto l’attività ispettiva dei finanzieri ha riguardato anche il rispetto delle disposizioni di cui all’art. 110 del T.U.L.P.S. comma 6 che disciplina la cosiddetta “diversificazione dell’offerta di gioco”, criterio che impone ai pubblici esercizi l’istallazione di almeno un apparecchio che non preveda vincite in denaro. Per quest’ ultima fattispecie, sono scattate le sanzioni amministrative che prevedono il pagamento da un minimo di euro 516 ad un massimo di 3.098 per altri 2 titolari di attività.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*