Perugia, Droga, Polizia e unità cinofile, dimostrazione nelle scuole

unita_cinofile_polizia (1)PERUGIA – Nella mattinata del 26 marzo sono stati effettuati, presso tre istituti scolastici di Perugia, dei servizi straordinari di prevenzione del fenomeno del consumo di sostanze stupefacenti e di educazione degli studenti alla legalità.

Tali servizi, disposti dal Questore Carmelo Gugliotta, coordinati dal Commissario Capo Adriano Felici ed attuati da personale delle Volanti, con l’ausilio di due unità cinofile, sono stati richiesti dalle autorità scolastiche per rafforzare il “percorso di legalità” programmato negli istituti nel corso dell’anno scolastico che la Polizia di Stato sta attuando con altre importanti iniziative.

I poliziotti, in presenza dei dirigenti scolastici delle strutture interessate, e in costante accordo con essi, hanno raggiunto la prima scuola intorno alle 07.45, in coincidenza con l’arrivo degli studenti per l’inizio delle lezioni, procedendo al controllo del piazzale antistante l’ingresso, delle aree verdi circostanti e dei bagni dell’edificio.

L’esito è stato molto confortante, poiché non è stato trovato alcunché di sospetto, eccezion fatta per un oggetto in legno tipo yo-yo – che il cane “ESTON” ha rinvenuto all’interno di un cestino della spazzatura – e che aveva all’interno degli aghi in metallo, utili a triturare la marijuana.

Nella seconda scuola, su espressa richiesta della preside, il controllo è stato esteso agli spogliatoi della palestra e ad un laboratorio normalmente utilizzato dagli alunni per esperimenti ed esercitazioni.

Ancora una volta, i cani non hanno rilevato nulla di anomalo, a parte uno spinello, trovato dal cane “TAR” in un’aiuola esterna all’edificio, che comunque presentava un bassissimo contenuto di sostanza stupefacente.

Da ultimo, nel terzo istituto scolastico visitato, si è adottato un approccio ancor più chiaramente improntato alla educazione alla legalità, offrendo una dimostrazione pratica agli studenti, affinché potessero vedere come operano le unità cinofile in caso di ritrovamento di sostanze stupefacenti.

Il tutto ha suscitato il forte apprezzamento del corpo docente e degli alunni che hanno assistito.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*