PERUGIA, CHIUSI DUE LOCALI NOTTURNI, CONTROLLI DEI CARABINIERI IN PERIFERIA

Carabinieri Città di Castello
Carabinieri
Carabinieri

Una sala da ballo al posto di un circolo privato e un locale di intrattenimento con ragazze del’est che lavoravano in nero sono stati chiusi dai carabinieri di Perugia nell’ambito di un controllo sui locali della periferia. Si tratta di un’operazione concentrata sul rispetto delle norme sui luoghi di lavoro.

Supportati dal Nas, dal Nucleo ispettorato del lavoro, dalla Direzione provinciale del Lavoro e da alcuni funzionari dei vigili del fuoco, i militari hanno controllato un locale di Sant’Andrea delle Fratte, uno della zona di via Settevalli e uno di Ponte San Giovanni. Il primo, che si presentava come circolo privato, in realtà era un vera e propria sala da ballo.

Il titolare, un giovane di 27 anni, è stato denunciato per violazione delle disposizioni in materia di sicurezza del lavoro, mancata nomina del medico competente per la sorveglianza sanitaria, mancanza del documento di valutazione dei rischi e mancata designazione del responsabile del servizio di prevenzione e protezione. Il ragazzo è stato anche sanzionato con una multa di 2000 euro mentre il locale è stato chiuso per aver occupato 5 lavoratori in nero.

Chiuso anche il locale della zona di via Settevalli perché, pur essendo un’associazione culturale in possesso della licenza per l’intrattenimento e il pubblico spettacolo, ha impiegato 4 lavoratori in nero e aver superato la quota dei 20 per cento dei dipendenti in servizio, infatti sono stati trovati al lavoro in 15, di cui 14 ragazze dell’Est. Il titolare, un uomo di 34 anni, è stato sanzionato per 20mila euro per contravvenzioni in materia di lavoro e sicurezza, e per 2000 per non aver predisposto le procedure previste dal servizio di autocontrollo sanitario.

Nel terzo locale i carabinieri del Nas hanno controllato i frequentatori, per lo più stranieri. Uno di loro, C.E. Albanese, 21enne, è stato denunciato per violazione all’ordine del questore di Trieste di allontanarsi dal territorio nazionale.  I carabinieri del nucleo operativo e radiomobile, in collaborazione con i colleghi di Castel del Piano e Corciano hanno eseguito una serie di controlli nella zona di Balazano, San Martino in campo, Pila, Case Bruciate, Madonna del piano, Mantignano, Ellena e San Sisto. Sono stati controllati 103 persone e 71 veicoli. Un ragazzo di 23 anni, albanese, trovato in possesso di un grammo di cocaina, è stato denunciato per detenzione ai fini di spaccio, mentre una rumena di 34 anni è stata arrestata per evasione per aver violato gli arresti domiciliari: da Corciano è stata trovata a Mantignana, senza autorizzazione.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*