Unipegaso

Perugia, appartamenti utilizzati per spaccio, espulsi marocchino e tunisino

Espulso anche un altro marocchino, scortato fino a Casablanca

Indagine Squadra Mobile di Perugia Termopili3, catturato il tunisino fuggito in Germania

Perugia, appartamenti utilizzati per spaccio, espulsi marocchino e tunisino
PERUGIA – Controlli straordinari in centro storico, in aggiunta ai servizi di controllo del territorio e dell’investigazione, disposti dal Questore di Perugia Francesco Messina. Dalla prima mattina di ieri sono state effettuate delle verifiche sugli appartamenti ove si lamentavano presenze di soggetti sospetti e di stranieri irregolari. Gli agenti del Reparto Prevenzione Crimine e della Squadra Mobile della Questura hanno effettuato controlli accedendo in tre appartamenti già attenzionati.

Nel mirino della Polizia anche il sistema di locazioni fittizie utilizzate per fornire basi logistiche a pregiudicati e delinquenti dediti allo spaccio di stupefacenti ma anche a stranieri irregolari sul territorio nazionale.

In un alloggio, alle spalle di Piazza Quattro Novembre, i poliziotti della Squadra Mobile hanno rintracciato un cittadino tunisino ed uno marocchino. Entrambi irregolari e pregiudicati per reati contro il patrimonio e stupefacenti, sono stati accompagnati in Questura per essere compiutamente identificati. Nei loro confronti è stato emesso l’ordine di Espulsione; dovranno lasciare il territorio nazionale.

In Italia ormai da diversi anni, un marocchino del ’92 aveva orbitato, per un primo periodo, negli ambienti criminali di Imola e Bologna. Più volte arrestato per resistenza, furto aggravato, lesioni personali e possesso ai fini di spaccio, si era poi spostato nell’area di Gualdo e Nocera Umbra.

Qui aveva contatti con i componenti della banda di stranieri autori di furti e rapine, alcuni dei quali rimpatriati di recente. Ristretto in carcere dal 2015 per scontare 2 anni e 5 mesi, avrebbe finito di pagare il proprio debito con la giustizia nell’agosto 2018. Ma, applicatagli l’espulsione come misura alternativa alla detenzione, ottenuti i lascia passare dal Consolato Marocchino, i poliziotti lo hanno prelevato dal carcere e scortato fino a Casablanca.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*