Perugia, appartamenti utilizzati per spaccio, espulsi marocchino e tunisino

Espulso anche un altro marocchino, scortato fino a Casablanca

Indagine Squadra Mobile di Perugia Termopili3, catturato il tunisino fuggito in Germania

Perugia, appartamenti utilizzati per spaccio, espulsi marocchino e tunisino
PERUGIA – Controlli straordinari in centro storico, in aggiunta ai servizi di controllo del territorio e dell’investigazione, disposti dal Questore di Perugia Francesco Messina. Dalla prima mattina di ieri sono state effettuate delle verifiche sugli appartamenti ove si lamentavano presenze di soggetti sospetti e di stranieri irregolari. Gli agenti del Reparto Prevenzione Crimine e della Squadra Mobile della Questura hanno effettuato controlli accedendo in tre appartamenti già attenzionati.

Nel mirino della Polizia anche il sistema di locazioni fittizie utilizzate per fornire basi logistiche a pregiudicati e delinquenti dediti allo spaccio di stupefacenti ma anche a stranieri irregolari sul territorio nazionale.

In un alloggio, alle spalle di Piazza Quattro Novembre, i poliziotti della Squadra Mobile hanno rintracciato un cittadino tunisino ed uno marocchino. Entrambi irregolari e pregiudicati per reati contro il patrimonio e stupefacenti, sono stati accompagnati in Questura per essere compiutamente identificati. Nei loro confronti è stato emesso l’ordine di Espulsione; dovranno lasciare il territorio nazionale.

In Italia ormai da diversi anni, un marocchino del ’92 aveva orbitato, per un primo periodo, negli ambienti criminali di Imola e Bologna. Più volte arrestato per resistenza, furto aggravato, lesioni personali e possesso ai fini di spaccio, si era poi spostato nell’area di Gualdo e Nocera Umbra.

Qui aveva contatti con i componenti della banda di stranieri autori di furti e rapine, alcuni dei quali rimpatriati di recente. Ristretto in carcere dal 2015 per scontare 2 anni e 5 mesi, avrebbe finito di pagare il proprio debito con la giustizia nell’agosto 2018. Ma, applicatagli l’espulsione come misura alternativa alla detenzione, ottenuti i lascia passare dal Consolato Marocchino, i poliziotti lo hanno prelevato dal carcere e scortato fino a Casablanca.

Print Friendly

1 Commento su Perugia, appartamenti utilizzati per spaccio, espulsi marocchino e tunisino

  1. Ma se le autorita conoscono gli elementi criminali perche’ invece di spostarli da una citta all’altra non li rimpatriano anzi sarebbe meraviglioso se li impiccassero in publica piazza come fanno nei loro paesi

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*