PERUGIA, AGENZIA DELLE ENTRATE, 2013 ANNO POSITIVO

Agenzia delle entrate
Agenzia delle entrate
Agenzia delle entrate

PERUGIA – Per l’agenzia delle entrate dell’Umbria il 2013 è stato un anno positivo. Ad averlo affermato è stato il suo direttore regionale, Carlo Palumbo, nel corso della cerimonia inaugurale dell’Anno giudiziario tributario. “Su circa 15mila atti di accertamento notificati nell’anno – ha dichiarato – solo 600, circa il 4%, sono stati impugnati. La restante parte si è definita per acquiescenza del contribuente, per adesione o per mancata impugnazione”. Palumbo ha sottolineato che il positivo risultato dell’azione amministrativa “viene rafforzato dagli esiti del contenzioso registrati nel 2013. Il 72,4% delle controversie si sono definite con sentenze favorevoli o parzialmente favorevoli all’Amministrazione finanziaria: su circa 215 milioni di euro contestati dai contribuenti, l’Autorita’ giudiziaria ha ritenuto fondata la pretesa erariale per circa 190 milioni di euro, l’87%. Questi risultati sono stati raggiunti grazie all’impegno professionale dei funzionari dell’Agenzia, che hanno garantito la partecipazione alle udienze nel 99,9% dei casi”.

Dato altrettanto importante, rimarca Palumbo, è “l’effetto deflattivo sul contenzioso tributario prodotto dall’istituto della Mediazione: circa il 50% dei ricorsi mediabili si sono conclusi in via amministrativa proprio grazie alla Mediazione tributaria, impedendo così l’instaurazione del contenzioso con vantaggi non solo per l’Amministrazione finanziaria ma anche per il cittadino-contribuente”. “Soltanto continuando su tale strada – ha concluso – l’Autorità giudiziaria potrà concentrare i propri sforzi sulle questioni di maggiore rilevanza economica e giuridica, riuscendo così ad elaborare quei principi interpretativi che potranno essere guida indispensabile e irrinunciabile per l’Agenzia”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*