Perseguita la ex moglie per oltre un anno, denunciato

Non potrà più avvicinarsi alla sua ex, denunciato stalker ternano
stalker persequita

stalker persequitaTERNI – Non si rassegnava alla separazione e per oltre un anno in imprenditore 58enne, italiano, residente nella Provincia di Perugia ha reso la vita impossibile alla ex moglie, 54enne, anch’ella italiana, la quale, sperando di sfuggire alle sue vessazioni, si era trasferita a Terni dove aveva avviato una attività commerciale.

L’uomo in più occasioni le aveva nascosto mini registratori nell’autovettura, di cui aveva conservato la chiave, la seguiva ovunque, effettuava incursioni e frequenti passaggi davanti al suo negozio ed alla sua abitazione, la seguiva in macchina anche per lunghi tragitti, la tempestava di telefonate e di messaggi ingiuriosi e minacciosi, in tal modo provocandole timore e tensione, ed inducendola a modificare le proprie abitudini di vita.

Più volte si era fatto trovare appostato vicino alla sua autovettura al momento della chiusura del negozio, nascosto nel parcheggio. Scoperto il locale dove la donna si recava a ballare con le amiche la domenica, vi si presentava più volte, arrivando ad aggredirla in una circostanza e, in un’altra, solo per averla vista danzare con un uomo, aggredendo fisicamente quest’ultimo all’esterno della sala da ballo.

La donna ha sporto denunce presso l’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Terni, dove sono stati svolti tutti gli accertamenti, a conclusione dei quali la Procura della Repubblica di Terni ha richiesto ed ottenuto dal G.I.P. l’emissione di Ordinanza applicativa della Misura cautelare del divieto di avvicinamento alla parte offesa, che è stata eseguita dall’U.P.G.S.P. nella tarda mattinata di ieri.

A seguito delle denunce sporte dalla donna, il Prefetto di Perugia aveva già emesso nel febbraio scorso a carico del marito Decreto di Divieto di detenzione armi per la durata di anni tre, e Decreto di sospensione della licenza di porto di fucile.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*