Due pericolosi pregiudicati beccati a Ponte San Giovanni

corpo senza vita

auto polizia ponte san giovanniGli agenti della Squadra Mobile, con l’ausilio del Reparto Prevenzione Crimine, hanno effettuato nel quartiere di Ponte San Giovanni servizi notturni straordinari di controllo del territorio, disposti dal Questore Carmelo Gugliotta e coordinati dal Vice Questore Aggiunto Marco Chiacchiera.

L’attività svolta, finalizzata al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti e dell’immigrazione clandestina, è sfociata nel rintraccio di due pericolosi pluripregiudicati albanesi.

Nel pattugliare il quartiere gli agenti della Squadra Mobile hanno notato qualche loro vecchia conoscenza in un bar ed hanno quindi deciso di identificare tutti gli avventori presenti.
Nei controlli alla Banca Dati si è riscontrato che due erano clandestini e quindi sono stati condotti in Questura.

Dai riscontri A.F.I.S. è emerso che uno L. E. del ’84 , albanese, nel dicembre scorso era stato prelevato dagli Agenti dell’Ufficio Immigrazione della Questura di Perugia dalla Casa Circondariale di Capanne e scortato allo scalo aereo di Fiumicino per il rimpatrio.

L’espulsione dall’Italia – con divieto di reingresso per dieci anni – ha così sostituito la pena detentiva per i giorni restanti alla definitiva espiazione, un anno e sette mesi di reclusione .
Il suo rientro illegale sul territorio nazionale ha comportato automaticamente il ripristino della pena detentiva ed è quindi immediatamente stato riportato in Carcere.

Peraltro il suo rientro in Italia clandestinamente ha comportato anche la segnalazione , in stato di arresto, alla Procura della Repubblica per violazione alle leggi sulla immigrazione.
Non solo, a Maggio, lo straniero era stato raggiunto da una ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere per stupefacenti, mai eseguita.

In totale è stato tratto in arresto per tre differenti circostanze.
Il suo accompagnatore P. F. , del 76, è risultato pluripregiudicato per stupefacenti, privo di permesso di soggiorno e di visto di ingresso. Dopo il controllo è stato espulso e, dopo una notte in Questura accompagnato a Fiumicino per essere rimpatriato con il primo volo utile.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*