Paura a Bastia, 14enne dopo la scuola non fa ritorno a casa, ma…

RITROVATA AL CENTRO COMMERCIALE DI COLLESTRADA, VOLEVA "FARE LA GRANDE"

Arrestato omicida siciliano a Bastia Umbra, manette anche per un perugino

Paura a Bastia, 14enne dopo la scuola non fa ritorno a casa, ma… BASTIA UMBRA – Sono state ore di angoscia per i genitori di una quattordicenne vista uscire di casa per andare a scuola, come ogni mattina era solita fare. I primi sospetti che potesse esserci qualcosa che non andava sono affiorati quando all’ora di pranzo la minore non ha fatto rientro: un rapido giro di telefonate ai compagni, agli amici di sempre e anche a coloro i quali ogni mattina facevano lo stesso tragitto insieme alla loro “bambina”.

Fino a quando, verso le tre del pomeriggio di ieri i genitori, comprensibilmente disperati hanno deciso di cercarla da soli, battendo a tappeto le strade che la ragazzina era solita percorrere non trascurando di andare anche nei luoghi abitualmente frequentati da  giovani della sua età.

Ma di lei ancora nessuna traccia. Fino a quando in preda al panico non incrociano sul loro cammino una pattuglia dei Carabinieri di Bastia Umbra, impegnata nel consueto controllo del territorio. I militari capiscono subito che i genitori sono disperati perché da troppe ore hanno perso ogni contatto con  la ragazza, la quale per giunta ha spento il cellulare facendo perdere ogni traccia di sé. E anche in questa circostanza i militari dell’Arma mettono a disposizione del cittadino la loro vicinanza prodigandosi da subito nel raccogliere ogni elemento utile che permetta loro di porre fine a quella che ogni minuto che passa assume tutte le caratteristiche di un allontanamento avvolto nel mistero.

Oscure le ragioni del gesto, considerato che la ragazza non ha  mai esternato propositi o intenzioni del genere. E con l’approssimarsi della sera aumenta la preoccupazione della coppia. Ma i militari conducono con tatto e professionalità ogni accertamento, cercando di fare luce anche sulla vita privata della minore.

Scandagliano con delicatezza e discrezione anche gli aspetti apparentemente più reconditi della sua vita.

Le ore passano e decisive sono le testimonianze dei giovanissimi che da sempre la conoscono. Una mezza frase detta tra i denti da uno di loro e i militari capiscono che fortunatamente  non sono di fronte ad una tragedia ma ad una bravata: insieme alla coppia corrono a Collestrada dove la trovano intenta a girovagare tra i negozi del centro commerciale.

Interpellata in merito al motivo di tutto ciò, la ragazza, incredula di avere creato così tanto allarmismo prova a giustificarsi dicendo che ha voluto provare cosa significa essere  grandi e indipendenti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*