Parcheggiatori abusivi litigano Pian di Massiano, a Perugia, assalita auto cronista

LE RISSE TRA QUESTE PERSONE SCOPPIANO PER MOTIVI DI "GESTIONE" DEGLI SPAZI

Parcheggiatori abusivi litigano Pian di Massiano, assalita auto cronista
Foto CasaPound Perugia

Parcheggiatori abusivi litigano Pian di Massiano, assalita auto cronista

PERUGIA – Tre o quattro parcheggiatori abusivi avrebbero litigato, tirandosi addosso delle transenne, questa mattina in una delle tante aree adibite a posto auto in occasione della inaugurazione della fiera dei morti a Perugia. La zona interessata talle tensioni, a quanto pare una delle tante, è stata quella situata dietro ad un noto bar di via Cortonese a poca distanza dello svincolo per l’area della fiera, dello Stadio Renato Curi e della Questura.

A quanto se ne sa la Polizia locale del comune di Perugia avrebbe immediatamente allertato gli agenti della Polizia di Perugia che, per altro, erano già impegnati su un altro fronte. Un collega fotografo, Roberto Settonce, riferisce sul suo profilo Facebook che una decina di uomini africani, di razza nera, avrebbero irriso pesantemente le forze dell’ordine presenti, poco distante dall’area che vi abbiamo indicato, in ragione di quattro unità.

Il cronista fotografo non ha, come chiesto dagli stessi agenti, scattato foto a nessuno dei parcheggiatori abusivi, ma questo non è bastato. Quando, con la moglie, è risalito in auto, con fare minaccioso sarebbe stato avvicinato dagli stranieri che gli chiedevano conto del perché avesse scattato foto (cosa non vera, lo ripetiamo).

A quel punto il giornalista ha messo in moto ed è partito, ma gli africani se la sono presa con la sua auto, sferrando un cazzotto sul tettino della vettura. Il cronista denuncerà questi parcheggiatori extracomunitari.

Il problema dei parcheggiatori abusivi c’è un po’ sempre, ma a ridosso della apertura del mercato di inizio di novembre, diventa un disagio di difficile gestione.

CasaPound in azione a Perugia

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*