Paga bolletta in ritardo di 24 ore, ristoratore costretto a chiudere attività

Dal 12 gennaio, per oltre 23 giorni, ancora oggi non è stata riattivata l'erogazione del servizio

Mario Ferranti con il mav in mano dell'effettuato pagamento della bolletta

Paga bolletta in ritardo di 24 ore, ristoratore costretto a chiudere attività

Con la bolletta scaduta da 24 ore, ma pagata il giorno successivo noto ristoratore perugino è costretto a chiudere l’attività da 23 giorni. A causa di un ritardato pagamento della bolletta del gas (la compagnia è la Enel Gas) un noto ristoratore perugino si è trovato costretto chiudere l’attività con relativi danni commerciali. Questo è quanto accaduto allo chef Mario Ferranti, titolare del locale ”Locanda dell’Arco” sita in via Ulisse Rocchi, a Perugia, il luogo dove il cast del film di Luisa Spagnoli fu ospite a cena con la chiusura del set.

L’odissea, anzi la disgrazia, ha avuto inizio quando il 12 gennaio scorso, scaduta la bolletta di 173 euro circa, il titolare si è visto togliere l’erogazione del gas al locale il giorno successivo, il 13 gennaio.

«Una dimenticanza dovuta a i mille impegni», commenta Mario Ferranti, ma il giorno successivo, il 14 gennaio ha provveduto ad effettuare il pagamento di quanto dovuto e richiedere contestualmente la riattivazione del servizio.

Da quella data fino ad oggi, nonostante i costanti quanto quotidiani solleciti, per oltre 23 giorni, ancora oggi non è stata riattivata l’erogazione del servizio costringendo così il ristoratore a tenere chiuso il locale.

Ora la vicenda è nelle mani degli avvocati al fine di far riconoscere un giusto risarcimento al titolare del ristorante per i danni causati dalla forzata chiusura dell’attività con la speranza che quanto prima venga riattivata l’erogazione della fornitura del gas.

Paga Bolletta

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*