Operazione Gdf Venezia, perquisizioni anche in Umbria

Operazione Gdf Venezia, perquisizioni anche in Umbria
Guardia di Finanza

Operazione Gdf Venezia, perquisizioni anche in Umbria
Erano due fratelli, Altin ed Emiljan Hajri, i vertici della banda sgominata oggi dalla Gdf di Venezia in un’operazione antidroga fra Italia ed Albania. Grazie alla collaborazione delle autorità di Tirana, sono finiti sotto sequestro diversi beni riconducibili ai due uomini, fra cui una villa di 3 piani e relative pertinenze, due autovetture di grossa cilindrata ed un lussuoso complesso immobiliare di oltre 10.000 metri quadrati, su cui sorgono un hotel, un edificio adibito ristorante – sala ricevimenti, una stazione di servizio, un’officina ed un’area adibita a parcheggio. Sequestrati anche 206 chilogrammi di eroina, 325 di marijuana, 450 di sostanza da taglio e 5 automobili.

Le indagini tecniche hanno dimostrato una particolare abilità del gruppo criminale che facevo uso, per comunicare a distanza, di un codice alfanumerico periodicamente rinnovato: da qui il nome ‘Enigma’ per l’operazione della Guardia di Finanza, che richiama i codici utilizzati dalle Forze Armate tedesche durante la seconda Guerra Mondiale.

Particolare anche la struttura dell’organizzazione, organizzata in cellule e concepita per far sì che, se le forze dell’ordine avessero neutralizzato una di queste, fosse difficile risalire alle altre e fosse, al tempo stesso, possibile continuare a vendere la droga in Italia. Sono 21 gli ordini di custodia cautelare in carcere in fase di esecuzione. Oltre che in Albania e in Veneto sono state effettuate anche perquisizioni in Trentino Alto Adige, Emilia Romagna ed Umbria.

Operazione Gdf Venezia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*