Omicidio Presta, Rosi ha tentato di farsi male in cella

L'intervento degli agenti ha evitato che accadesse il peggio

Donna uccisa da marito, rapporti deteriorati, ma nessuna denuncia

Omicidio Presta, Rosi ha tentato di farsi male in cella

Francesco Rosi, in carcere per aver ucciso la moglie Raffaella Presta, a Perugia, nella villetta di via del Bellocchio, nei giorni scorsi ha tentato di farsi del male in cella. I fatti gravi sono accaduti il 3 e 4 gennaio scorsi.

La prima volta con un giacca che l’uomo avrebbe arrotolato e stretto intorno al collo. Stessa cosa il giorno successivo, questa volta sembra con una camicia. L’intervento degli agenti ha evitato che accadesse il peggio.

La difesa di Rosi, su quanto accaduto, non vuole rilasciare dichiarazioni. “L’uomo – ha detto il legale – viene monitorato 24 ore su 24”. Rosi è in completo isolamento. Dopo la decisione del Riesame, a breve potrebbe arrivare la chiusura delle indagini.

Omicidio Presta

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*