OMICIDIO POLIZZI: VALERIO RACCONTA LA SUA VERSIONE DEI FATTI

menentiVALERIOeRICCARDOPERUGIA – “Ho saputo dell’omicidio di Alessandro Polizzi solo il giorno successivo, poiché ero ricoverato in ospedale, sono estraneo alla vicenda”. E’ quanto detto da Valerio Menenti, il 24enne accusato del delitto, avvenuto nella notte fra il 25 e il 26 marzo scorsi a Perugia, insieme al padre Riccardo. Il ragazzo è stato interrogato stamane dal pm Antonella Duchini nel carcere di Capanne.

Secondo quanto riferisce uno dei suoi legali, Luca Patalini, Menenti ha “risposto a tutte le domande in maniera esauriente ribadendo la propria innocenza”. In particolare, il 24enne e’ accusato di essere il mandante del delitto, mentre esecutore materiale sarebbe il padre Riccardo.

Valerio Menenti avrebbe anche smentito la testimonianza della commessa di un Compro Oro cittadino che ha riferito di averlo visto e sentito parlare al telefono di una volontà di vendetta contro Polizzi il sabato prima dell’omicidio. “Io in quel Compro Oro quel giorno – ha detto il 24enne – non ci sono mai stato”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*