OMICIDIO MEREDITH: PROCESSO BIS A FIRENZE, ASSENTI IN AULA AMANDA E RAFFAELE

processo meredith amanda sollecito(umbriajournal.com) FIRENZE – Questa mattina al Palazzo di Giustizia di Firenze ricomincia il processo bis per l’omicidio di Meredith Kercher, la giovane studentessa inglese sgozzata nella sua casa di Perugia la notte tra il 1 e il 2 novembre 2007. Il processo sara’ ripetuto davanti alla Corte d’Assise d’Appello di Firenze, dopo che la Corte di Cassazione ha annullato la sentenza di assoluzione di Amanda Knox e Raffaele Sollecito da parte giudici di secondo grado di Perugia ribaltando la condanna per omicidio in primo grado. L’ipotesi come emerge dalla sentenza della Cassazione che ha disposto il nuovo processo, e’ quella che Meredith sia rimasta vittima di un gioco erotico. In carcere si trova gia’ un terzo imputato Rudy Guede, condannato a 16 anni. Il presidente della Corte d’Assise d’Appello di Firenze e’ Alessandro Nencini. La pubblica accusa e’ affidata al procuratore Alessandro Crini. In aula non ci saranno i due imputati. Amanda ha spiegato in piu’ interviste di non voler tornare in Italia perche’ ancora ferita dall’esperienza di quattro anni passati in carcere. Raffaele si trova in questi giorni in vacanza ai Caraibi, a Santo Domingo. Il padre di Sollecito ha comunque assicurato che il figlio sara’ presente alle udienze a partire da quelle di fine ottobre. ”Ci siamo sentiti ieri, ci siamo fatti gli auguri. E’ molto preoccupato, io sono fiducioso”. Lo ha detto Francesco Sollecito, padre di Raffaele, entrando in Corte d’Appello a Firenze dove oggi si apre il nuovo processo di secondo grado per l’omicidio di Meredith Kercher. Il padre di Sollecito ha ribadito la loro ”convinzione dell’innocenza di Raffaele” e ha spiegato che suo figlio oggi non sarà presente e parteciperà alle udienze che si terranno a fine ottobre. ”Le affermazioni della Cassazione – ha spiegato Francesco Sollecito – sono degli errori perché i giudici non hanno avuto completo accesso alle carte. Più noi approfondiamo più emergono elementi che dimostrano la totale estraneità di Raffaele”

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*