Non sa dove dormire, un homeless lo fa nella casa dove fu uccisa Maredith

Casa di via della Pergola avvelenamento da monossido di carbonio (11)L’evento, un accesso abusivo di un soggetto senza fissa dimora in un casolare attualmente disabitato, non sarebbe di quelli che desta particolare impressione.

Il discorso cambia radicalmente, però, se si fa attenzione al luogo ove questo stabile è ubicato: Via della Pergola 7.

Così, nella mattinata del 20 maggio, la Polizia ha scoperto che la sera precedente qualcuno, in cerca di un posto dove trascorrere la notte, si era introdotto nella casa del delitto Meredith.

La chiamata al 113 è giunta dalla donna delle pulizie, periodicamente inviata dalla padrona dell’immobile affinché lo stesso sia tenuto in ordine.

Costei ha subito notato che la catena posta all’ingresso dello stabile era stata tranciata e che la porta d’ingresso era aperta.

Entrata in casa, con grande sorpresa, ha notato un giovane che dormiva beatamente sul letto.
A questo punto, immediato è stato l’intervento della Volante, che, ricostruito l’accaduto, ha condotto l’uomo, A.L., albanese, anno 1986, in Questura per il fotosegnalamento.

In seguito, la Polizia ha avviato nei suoi confronti una denuncia per invasione di edifici ed avviato le procedure per la sua espulsione .

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*