NASCONDEVANO IN ALBERGO OGGETTI RUBATI, DUE DENUNCE PER RICETTAZIONE

Anziana si perde nel bosco, i carabinieri la ritrovano dopo ore
Polizia

POLIZIAperugiaDInotteDue albanesi sono stati fermati dalla polizia con l’accusa di ricettazione. Nello loro stanza d’albergo, gli agenti hanno trovato due blocchetti di assegni bancari e vari monili. I due, di 25 e 26 anni, sono stati notati all’interno di un bar di Ponte San Giovanni. Erano molto nervosi e così è scattato il controllo nei loro confronti. La polizia ha scoperto che uno dei due celava tre involucri in cellophane, contenenti nel complesso circa quattro grammi di cocaina.

Messi sotto pressione dai poliziotti, hanno rivelato di dimorare in un albergo vicino. Gli uomini delle volanti e del reparto prevenzione crimine sono così andati a controllare anche la loro stanza e sono stati rinvenuti due blocchetti di assegni bancari in bianco, frutto di due distinti furti in abitazione commessi nelle ultime settimane. All’interno di un trolley, che i due albanesi custodivano in un armadio, erano occultati, sotto alcuni capi d’abbigliamento, diversi monili poi risultati provento dei medesimi furti.

Gli agenti hanno trovato, tra l’altro, una catenina in argento, un segnaposto color argento, uno zircone, una collanina, un orecchino intrecciato color oro e argento e un portapasticche con coperchio tipo madreperla.

A questo punto, individuate le vittime dei due furti, la polizia le ha subito convocate in Questura. Qui entrambi i soggetti derubati hanno effettuato il riconoscimento degli oggetti rispettivamente sottrattigli, ottenendone l’immediata riconsegna.

Per i due albanesi, invece, un fermo per il reato di ricettazione e una denuncia per detenzione di stupefacenti per fini di spaccio.

L’operazione è maturata all’interno di un servizio di controllo del centro storico e del quartiere di Ponte San Giovanni, disposto dal questore Carmelo Gugliotta,  e attuato, come si diceva, dalle volanti e dai poliziotti di quartiere con l’ausilio del  reparto prevenzione crimine Umbria-Marche.

Nel corso del servizio è stato anche arrestato un marocchino di 26 anni evado dai domiciliari. Il giovane, che transitava nei pressi di piazza Grimana, alla vista della polizia ha iniziato a correre. Gli agenti lo hanno rincorso e raggiunto nell’androne dello stabile dove risiede. Hanno accertato che era evaso dagli arresti domiciliari per una serie di furti commessi in centro. E’ stato quindi arrestato per evasione e sarà processato per direttissima.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*